Cartoline non spedite

Cartoline non spedite #80 Senza coda

cartolinenonspedite80senzacoda

Il professore aveva la testa fuori dall’acqua, in piedi sopra la cattedra, ma mentre mi avvicinavo a fatica, mi resi conto che era il bidello.

Come avevo fatto a non accorgermene prima? Avevo letteralmente l’acqua alla gola, appena aprivo bocca per urlare, bevevo. Ecco, stavo per morire affogata. Si fece buio all’improvviso, un’oscurità tetra. Riaprii gli occhi e insieme a quelli anche le orecchie ritornarono a sentire. Io provavo ad isolarmi, a mettere una barriera tra me e il mondo, eppure più mi sforzavo a farlo, più lui era lì appostato appena dietro la porta di camera, pronto a sfondarla. Non si poteva neanche sognare in pace. 

“Anita?” qualcuno mi chiamava, non riuscivo a vedere chi. Ero nuovamente fuori casa, mi scappò un ghigno ironico. Un gatto si era appena lasciato guardare, messo in posa per me. Io avevo allungato le mie braccia, e appena lo avevo fatto, sorprendentemente non era scappato via, anzi era rimasto immobile a fissarmi qualche secondo prima di iniziare a camminare lentamente.

Cominciai a seguirlo, cosa altro potevo fare? In giro, senza meta, seguendo un gatto senza coda: qualcosa non andava nella mia vita, ed era più che evidente.

Non potevo fare a meno di pensare come l’ironia della sorte, facesse sì che ora fossi io a seguire lui, i ruoli si erano invertiti. Va bene che a volte le cose cambiano in fretta, ma qui si esagera.

Mi chiedevo se avesse una minima idea di dove stesse andando, in fondo non sapevo neanche se avesse dei padroni o meno, chissà se mia madre quando diceva “non accettare passaggi dagli sconosciuti”, intendesse anche i gatti. Però sembrava essere abituato alla presenza dell’uomo, molto più di me. Questo mi fece sorridere. Continuavo a chiedermi se sapesse dove andare. Fino a quel momento credevo di essere l’unica a farlo (mi riferisco al fatto di girare senza meta), per questo non mi veniva facile credere che qualcun altro avesse questa mia stessa inclinazione. Poi me ne feci una ragione, dopotutto, quel qualcuno era un gatto.

 

 

In copertina: Turn, Liz Glass

More about:
Oggi254
Ieri540
Total542446

Who Is Online

6
Online

17 May 2022

Social & newsletter

Testata Giornalistica "Salic'è l'Espressino Quotidiano" iscritta al n° 8 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce del 4 luglio 2017.

© 2019 Salic'è. All Rights Reserved.Design & Development by Salic'è

Search

04 January 2021
Cartoline non spedite
Ci sono certi momenti in cui bisogna sottrarre. È che una passa tutta una vita a pensare che accumulare gli servirà, perché così gli hanno fatto credere. Maledette credenze. E allora in quelle credenze, ci mette di tutto, insieme ai piatti, alle...
29 December 2020
Cartoline non spedite
 Un bicchiere di vin brulé tra i mercatini natalizi, l'entusiasmo di una ragazzina in cui ti rivedi da piccola, l'abbraccio di un'amica che non vedevi da tempo per raccontarsi la vita degli ultimi mesi. No, questo Natale non è stato proprio così...
22 December 2020
Cartoline non spedite
Si sono concluse oggi le lezioni del primo semestre dell'università. Iniziare una magistrale senza nemmeno poter guardare negli occhi qualcuno dei tuoi compagni sarebbe stato uno sproloquio solo qualche mese fa, invece non è neanche passato un anno d...
15 December 2020
Cartoline non spedite
Ho letto in un articolo che il sindaco di Parma (capitale della cultura 2020), Federico Pizzarotti, ha manifestato il suo dispiacere per la chiusura, negli ultimi mesi, di tutto ciò che riguarda il mondo della cultura. Ha proprio detto: "In un moment...
08 December 2020
Cartoline non spedite
"Distanziamento sociale" sarà parola dell'anno, o meglio, una delle parole dell'anno, anche se poi, a voler essere precisi questo termine è composto da un sostantivo e un aggettivo, quindi non è del tutto appropriato riferirsi a esso come parola e di...
Don't have an account yet? Register Now!

Sign in to your account