Sociale
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Domenica, 03 Febbraio 2019 12:54

IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI

Scritto da
Vota questo articolo
(14 Voti)

Cari Concittadini , gli ultimi fatti dolorosi che hanno colpito la nostra Comunità , privandola di un Amico e di una persona stimata ed amata da tutti , mi impongono moralmente di scrivere poche righe nelle quali proverò a rendere pubblici i miei pensieri che , da tempo , comunico solo a titolo particolare. Il disagio che può rappresentare un gesto estremo come quello di togliersi la vita è una colpa di tutti noi che , al di là dei motivi della particolare tragedia accaduta , abbiamo il dovere di assumerci.

Nell’omelia del funerale , il Parroco della Chiesa Madre diceva che dovrebbe nascere una “umanità vera” , non fatta di parole ma di azioni vere affinchè ci si possa “guardare negli occhi” per capire , per capirsi , per vedere il disagio di chi ci è intorno ed aiutarlo , proprio con “ umanità vera”.

Parole chiare , lucide , taglienti ma introspettive di una realtà sociale che non si accorge di chi ha bisogno di aiuto e magari non lo chiede per dignità o per paura del giudizio degli altri , sì quel giudizio che può essere ben peggio del disagio che si vive e che può diventare condanna sociale ed essere la causa della mancata richiesta di aiuto, quel giudizio che nasconde disinteresse , distanza personale e umana , distanza sociale , gelosia e che colpisce senza appello.

Ebbene , da sempre per mio carattere ed anche per la professione che svolgo , ho imparato a riconoscere il disagio delle persone , ad entrarci dentro in punta di piedi , con rispetto e con discrezione , dolcemente ma determinato ad aiutare se me ne viene data la possibilità , quasi come un medico o come un uomo di chiesa , tali da aiutare il corpo e l’anima di chi si presenta loro avanti.

Nella Nostra Comunità da anni manca la disponibilità ad ascoltare , a vedere , a capire , a non giudicare , a tentare di aiutare il nostro vicino quando il disagio o la disperazione si impadroniscono di lui , per tanti motivi , non sempre legati a particolari problemi ma spesso frutto di quella stanchezza di vivere che ad una certa età si impadronisce di noi e ci può portare a quel corto circuito mentale e fatale. Tutti volevamo bene all’Amico che ci ha lasciato ed il suo sacrificio non dovrà essere vano perchè , se da una parte i motivi del gesto estremo saranno ricercati da chi ne ha il dovere istituzionale , noi , dal canto nostro , abbiamo , ora più che mai , il dovere di onorare la sua memoria attraverso una “ umanità vera” che vada incontro a chi è in difficoltà così come faceva spesso lui.

Alla Amministrazione Comunale rivolgo un pubblico appello affinchè , come massima Istituzione Locale , adotti ogni forma di intervento per individuare , studiare e cercare di fronteggiare qualsiasi forma di disagio che esista nel nostro Paese , sia essa di livello economico , sia essa di carattere sociale , sia essa di carattere familiare , prevenendo altri possibili fatti estremi.

E’ una missione non facile , che prevede tanto impegno e la creazione di un progetto sociale e umanitario ma non solo come , ad esempio , la costituzione di un “ fondo di solidarietà” per le vittime da disagio sociale , al fine di dare sostegno a chi ne è colpito. Sono sicuro che la Amministrazione in carica ha tale sensibilità. Tutte le fasce sociali della popolazione sono in sofferenza ed alcuni settori produttivi sono quasi completamente scomparsi , penso al commercio , all’artigianato , all’agricoltura e la crisi acuisce la mancata coesione sociale , l’aiuto ed il sostegno reciproco e vicendevole , la disponibilità ad ascoltare , a vedere e a riconoscere il disagio di chi ci è accanto per aiutarlo , tirandolo fuori dal tunnel. Anche per tale aspetto spero che qualcosa di buono si possa realizzare attraverso progetti mirati di rivitalizzazione dei settori produttivi del nostro Paese , una sorta di nuovo “ Piano Marshall” per Salice , per i suoi cittadini , per i suoi giovani , per un futuro più dignitoso.

In silenzio , con grande dignità personale ma drammaticamente solo è andato via un pezzo della nostra Comunità , un amico di tutti , un gran lavoratore , sempre impegnato ad aiutare gli altri e a dare un aiuto a chi glielo chiedeva , sempre pronto ad organizzare eventi con l’Associazione di cui era Componente attivo del Direttivo e mai domo. Al suo essere stato così , dobbiamo gratitudine ed il nostro impegno per il cambiamento.

A Lui va il mio più profondo pensiero ed un ricordo sempiterno , alla sua famiglia ed ai familiari tutti la mia sincera vicinanza.

E’ andato via con grande dignità , in silenzio , nel “ silenzio degli innocenti”.

 

Salice , 1 febbraio 2019

Oronzo D’Agostino

Letto 1240 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi6
Ieri118
Questa Sett.360
Questo Mese2886
Totale1535897

Giovedì, 22 Agosto 2019 02:20

Chi è on line

Abbiamo 304 visitatori e nessun utente online