Sociale
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Giovedì, 09 Agosto 2018 13:56

Il Presidente del GAL Terra d’Arneo: Il nostro territorio è sotto attacco mediatico: attenti a non dividerci fra noi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il Presidente del GAL Terra d’Arneo, Cosimo Durante, sugli attacchi a Gallipoli ed al Salento:

Molti i servizi in uscita in questi giorni su testate locali e nazionali sulle sorti del turismo in Salento, di cui l’emblema resta Gallipoli. In attesa di conoscere i numeri ufficiali di fine stagione, e capire se il calo delle presenze turistiche sia reale o presunto, limitiamoci a considerare la situazione.

Assegnare a Gallipoli tutte le colpe di una generale contrazione dei flussi turistici in arrivo in Salento è quanto mento riduttivo, com’è altrettanto ingiusto assegnare alla Città Bella tutti i meriti del boom turistico degli anni scorsi.

È necessario, a mio avviso, ragionare in termini di sistema territoriale perché di fatto è così che hanno agito le politiche di promozione del territorio portate avanti sino ad oggi. Questo purtroppo non sta avvenendo. Lo stesso Sindaco di Gallipoli, al quale va tutta la mia personale solidarietà, con l’ultima conferenza stampa, nel suo strenuo, legittimo e utile tentativo di tutelare l'immagine della città, credo abbia perso l'occasione di far emergere la spinta propulsiva che l'intero Salento è capace di assicurare. Veicolare l’immagine di un Salento unito e coeso anche nell’affrontare questo momento delicato. E invece niente.

Un Sindaco lasciato solo a difendere una città è un'impresa vana. Sarebbe stato utile coinvolgere anche altri Sindaci, la Regione Puglia che tanto si sta adoperando per la promozione del nostro territorio, la Provincia di Lecce, le agenzie di sviluppo locale presenti su tutto il territorio, compresi i cinque  GAL salentini, per creare un “fronte compatto”  a difesa di un settore sotto accusa che non può riguardare solo ed esclusivamente la Città di Gallipoli ma l’intero territorio.

Gli anni del successo, di cui in tanti hanno beneficiato, sono figli di un lavoro lungo e costante, che ha lontane e radicate radici,  avviato nel lontano 1995 con l’allora coordinamento della Provincia di Lecce – Presidente Lorenzo Ria. Da lì è partita la programmazione, da lì progetti ed iniziative, marchi d'area (come per esempio il famoso “Salento d'amare”) e attività di cooperazione fra territori. Tutte cose che rischiano di non esserci più ma che basterebbe poco a riattivare, se ci fosse uno spirito di comunità diverso, se ci fosse la consapevolezza dell’utilità irrinunciabile di un clima più collaborativo tra Sindaci, tra amministratori ed imprenditori e se finalmente si riuscisse a ragionare in un’ottica di collaborazione unitaria e nella direzione di una sorta di “quadro di valorizzazione di insieme”, puntando a consolidare le RETI  quale veicolo strategico gestionale  migliorando ancor più la qualità  dei servizi e delle infrastrutture.

Ciascuno di noi  ha la sua parte di lavoro da fare  come  anche una buona fetta di responsabilità, sia quando registriamo stagioni sold out, sia quando facciamo la conta dei danni.

Dividere meriti e colpe è il minimo che si debba fare, ecco perché credo che la spontanea vocazione all'isolamento sia una forma di autolesionismo che non possiamo accettare.

Come non possiamo accettare supinamente gli attacchi diretti verso una Comunità importante e laboriosa come Gallipoli che sembra più essere l’inizio di una serie di attacchi concentri (speriamo non sia così) diretti a tutto il territorio salentino…. territorio che con grande impegno e lungimiranza ha saputo investire a favore di un segmento importate quale è quello del Turismo e che certamente con i risultati raggiunti porta ad  offuscare ed oscurare la legittima aspettativa di altri territori.

Il Salento dei tanti attrattori culturali, ambientali, enogastronomici, dei borghi antichi e marinari può continuare ad essere punto riferimento in un settore nevralgico e strategico in forte espansione e crescita quale è quello del Turismo solo  se continueremo a lavorare tutti insieme  e per un unico grande obbiettivo.

Letto 17 volte Ultima modifica il Giovedì, 09 Agosto 2018 14:02

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi99
Ieri199
Questa Sett.469
Questo Mese3406
Totale1465749

Mercoledì, 15 Agosto 2018 17:20

Chi è on line

Abbiamo 210 visitatori e nessun utente online