Sociale
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Sociale

Sociale (463)

Il Presidente del GAL Terra d’Arneo, Cosimo Durante, sugli attacchi a Gallipoli ed al Salento:

Molti i servizi in uscita in questi giorni su testate locali e nazionali sulle sorti del turismo in Salento, di cui l’emblema resta Gallipoli. In attesa di conoscere i numeri ufficiali di fine stagione, e capire se il calo delle presenze turistiche sia reale o presunto, limitiamoci a considerare la situazione.

Assegnare a Gallipoli tutte le colpe di una generale contrazione dei flussi turistici in arrivo in Salento è quanto mento riduttivo, com’è altrettanto ingiusto assegnare alla Città Bella tutti i meriti del boom turistico degli anni scorsi.

È necessario, a mio avviso, ragionare in termini di sistema territoriale perché di fatto è così che hanno agito le politiche di promozione del territorio portate avanti sino ad oggi. Questo purtroppo non sta avvenendo. Lo stesso Sindaco di Gallipoli, al quale va tutta la mia personale solidarietà, con l’ultima conferenza stampa, nel suo strenuo, legittimo e utile tentativo di tutelare l'immagine della città, credo abbia perso l'occasione di far emergere la spinta propulsiva che l'intero Salento è capace di assicurare. Veicolare l’immagine di un Salento unito e coeso anche nell’affrontare questo momento delicato. E invece niente.

Un Sindaco lasciato solo a difendere una città è un'impresa vana. Sarebbe stato utile coinvolgere anche altri Sindaci, la Regione Puglia che tanto si sta adoperando per la promozione del nostro territorio, la Provincia di Lecce, le agenzie di sviluppo locale presenti su tutto il territorio, compresi i cinque  GAL salentini, per creare un “fronte compatto”  a difesa di un settore sotto accusa che non può riguardare solo ed esclusivamente la Città di Gallipoli ma l’intero territorio.

Gli anni del successo, di cui in tanti hanno beneficiato, sono figli di un lavoro lungo e costante, che ha lontane e radicate radici,  avviato nel lontano 1995 con l’allora coordinamento della Provincia di Lecce – Presidente Lorenzo Ria. Da lì è partita la programmazione, da lì progetti ed iniziative, marchi d'area (come per esempio il famoso “Salento d'amare”) e attività di cooperazione fra territori. Tutte cose che rischiano di non esserci più ma che basterebbe poco a riattivare, se ci fosse uno spirito di comunità diverso, se ci fosse la consapevolezza dell’utilità irrinunciabile di un clima più collaborativo tra Sindaci, tra amministratori ed imprenditori e se finalmente si riuscisse a ragionare in un’ottica di collaborazione unitaria e nella direzione di una sorta di “quadro di valorizzazione di insieme”, puntando a consolidare le RETI  quale veicolo strategico gestionale  migliorando ancor più la qualità  dei servizi e delle infrastrutture.

Ciascuno di noi  ha la sua parte di lavoro da fare  come  anche una buona fetta di responsabilità, sia quando registriamo stagioni sold out, sia quando facciamo la conta dei danni.

Dividere meriti e colpe è il minimo che si debba fare, ecco perché credo che la spontanea vocazione all'isolamento sia una forma di autolesionismo che non possiamo accettare.

Come non possiamo accettare supinamente gli attacchi diretti verso una Comunità importante e laboriosa come Gallipoli che sembra più essere l’inizio di una serie di attacchi concentri (speriamo non sia così) diretti a tutto il territorio salentino…. territorio che con grande impegno e lungimiranza ha saputo investire a favore di un segmento importate quale è quello del Turismo e che certamente con i risultati raggiunti porta ad  offuscare ed oscurare la legittima aspettativa di altri territori.

Il Salento dei tanti attrattori culturali, ambientali, enogastronomici, dei borghi antichi e marinari può continuare ad essere punto riferimento in un settore nevralgico e strategico in forte espansione e crescita quale è quello del Turismo solo  se continueremo a lavorare tutti insieme  e per un unico grande obbiettivo.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Col. Alessandro Pellegrini subentra al Colonnello Antonio Camillo Cossu nell’incarico di Direttore del 10° RMV 

 

Foto Col. Pellegrini nuovo DirettoreGiovedì 12 luglio 2018, all’interno di uno degli hangar dell’Aeroporto “F. Cesari” di Galatina, si è svolta la cerimonia di cambio al vertice del 10° Reparto Manutenzione Velivoli di Lecce. L’evento, presieduto dal Brigadier Generale Maurizio Astolfi, Comandante della 2^ Divisione del Comando Logistico, ha sancito il passaggio di consegne tra il Direttore uscente, il Colonnello Antonio Camillo Cossu, e il Colonnello Alessandro Pellegrini, Direttore subentrante.

 

Il Colonnello Pellegrini proviene dal Corso “Falco IV” dell’Accademia Aeronautica, è laureato in Ingegneria Elettronica, ha prestato servizio presso il Reparto Sperimentale di Volo a Pratica di Mare, presso il 4° Reparto dello Stato Maggiore Aeronautica e, successivamente, presso la 2^ Divisione del Comando Logistico.

 

Durante il Suo discorso il Colonnello Cossu ha ringraziato le donne e gli uomini del Reparto, ogni singola articolazione del Reparto per il lavoro svolto e i propri cari aggiungendo che “… i valori che portate sono l’espressione del tessuto sano di un Paese che trova nella famiglia articolazione imprescindibile”.

 

Ha infine sottolineato l’importanza del lavoro di squadra per conseguire gli obiettivi assegnati, esprimendo la propria gratitudine al Comandante del 61° Stormo, Colonnello pilota Luigi Casali, per “…il supporto fornito al Reparto e la solida collaborazione”.

 

Il Colonnello Pellegrini, a sua volta, ha ringraziato il Comandante della 2^ Divisione del Comando Logistico per la fiducia riposta in lui garantendo piena dedizione ed incondizionato impegno. Rivolgendosi poi al Comandante del 61° Stormo ha sottolineato che “…il 10° RMV sarà al fianco del 61° Stormo per raggiungere i comuni obiettivi.”

 

Si è poi rivolto al personale del Reparto che rappresenta “…la risorsa più pregiata di cui potrò disporre durante il mio Comando, voi siete la vera risorsa distintiva che rende realizzabili tutti gli obiettivi che ci verranno assegnati, anche quelli più ambiziosi.”

 

Il Generale Astolfi, durante il suo indirizzo di saluto, ha ringraziato e dato atto al Colonnello Cossu “… dei notevoli risultati conseguiti nel complesso delle attività svolte dal 10° R.M.V.” che, nonostante le difficoltà presenti in alcuni settori industriali, “ ha minimizzato gli impatti sulla disponibilità dei velivoli e quindi sulla operatività della scuola di volo, della pattuglia acrobatica nazionale e degli altri utilizzatori”. Rivolgendosi al Colonnello Pellegrini, ha augurato un ottimo periodo di Comando assicurando “…ogni supporto e collaborazione da parte della 2^ Divisione e mia personale”.

 

Il 10° Reparto Manutenzione Velivoli di Lecce provvede alla manutenzione dei velivoli MB339 e T-346 in dotazione all’Aeronautica Militare italiana e al supporto tecnico-logistico delle barriere d’arresto operanti sul territorio nazionale ed all’estero.

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Si terrà domani, domenica 17 giugno 2018 alle ore 18,30 l'appuntamento "Prevenzione Rosa con il SENO... di poi".

Un incontro organizzato dall'associazione Chiaramente, il Comune di Salice Salentino, la Proloco di Salice Salentino, Amici delle bocce, Parrocchia di San Giuseppe, Spazio Liquido con Media Partner la testata giornalistica Salic'è, l'espressino quotidiano.

Obiettivo principale del convegno, che sarà ospitato presso il Centro Polifunzionale "Benigno Perrone", è quello di accendere i riflettori, informare e sensibilizzare grazie agli esperti che interverranno.“Prevenzione Rosa – Con il SENO … di poi – Prevenzione, Diagnostica e Cura del cancro al seno” da settembre diventerà un progetto itinerante dell’Associazione Culturale “ChiaraMente”, patrocinato dall’Unione dei Comuni del Nord Salento e dal Comune di Salice Salentino che tratterà il tema delicato e attuale del “cancro al seno” in diversi Comuni del Salento. 

Domenica sera, alla presenza di numerose autorità locali e nazionali, l’Avvocato Serena Assenzio modererà la serata dando spazio ai dottori Salvatore Tondo (chirurgo senologo), Arturo Baglivo (chirurgo ecografista) e Carlo Olla (anatomopatologo), alla dott.ssa Valentina Rucco (psicologa clinica), la dott.ssa Angela Della Porta (Assistente Sociale Specialista, Counselor, Mediatrice familiare e dei conflitti). Durante la serata non mancheranno interventi chiesti in estemporanea alle autorità presenti ed una testimonianza diretta.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

L'Amministrazione Comunale, organizza i nuovi servizi al cittadino. Partono due programmi uno rivolto ai ragazzi dai 6 ai 14 anni e l'altro ai cittadini di terza età. 

Manifesto Soggiorno Anziani

L'Assessore Paola Galizia: "Il rilancio delle politiche sociali è uno degli obbiettivi di questa maggioranza. Offrire ai cittadini servizi tesi al miglioramento della qualità della vita e pensare per i nostri ragazzi ad occasioni di svago, sano divertimento e socializzazione sono prassi di buona politica. L'amministrazione con qualche sforzo propone questi servizi con tariffe agevolate e facendosi carico delle spese di viaggio così da poter estendere ancora di più la platea dei  beneficiari"

CAMPUS ESTIVO

FEELGOOD 2018

L’Amministrazione Comunale  organizza  un  campus estivo,  rivolto a  minori di età compresa tra i 6 e i 14 anni, presso il  Centro Sportivo FEELGOOD di Cellino San Marco (Br)

I° TURNO: DAL 18 AL 30 GIUGNO

II° TURNO: DAL 9 AL 21 LUGLIO

Le famiglie interessate potranno scegliere tra il primo e il secondo turno (o entrambe) con un costo a loro carico di euro 45,00, per un turno di  12 giorni.

Per ciascun turno sono previsti:

un costo aggiuntivo di euro 14,00, per n. 2 escursioni facoltative, presso il famoso Acqua Park “Carrisiland” di Cellino San Marco; uno sconto del 10% riservato al secondo figlio.

La quota di partecipazione al campus estivo dovrà essere versata direttamente alla S.S. D. Feelgood.

L’Amministrazione Comunale assume a proprio carico la spesa del trasporto.

Le attività, che si svolgeranno dalle ore 9.00 alle ore 12.30, tutti i giorni, dal lunedì al sabato, sono: giochi all’aperto, giochi in acqua, nuoto, calcio, pallavolo, balli, laboratori creativi.

Tutti i partecipanti dovranno essere muniti di costume, cuffia, scarpe da ginnastica, telo o accappatoi e produrre idoneo certificato di sana e robusta costituzione.

Le istanze di partecipazione devono essere presentate, entro Lunedì 11 Giugno 2018, su apposito modulo reperibile sul sito internet www.comune.salicesalentino.le.it del Comune di Salice Salentino o presso l’Ufficio di Servizi Sociali.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Non sono passati anni, neanche mesi ma solo pochissimi giorni da quando abbiamo visto il risultato di tanto impegno da parte dei nostri ragazzi; bambini dal punto di vista anagrafico ma adulti nell’impegno di portare avanti un progetto ambizioso, duro, severo, quello di ripulire il nostro paese.

Il progetto “Partiamo da Salice” svoltosi nella ricorrenza della “Giornata della Terra” ha visto scuole ed amministrazione in un evento di sensibilizzazione del problema dei rifiuti.

Ma purtroppo siamo di botto ritornati alla dura realtà ed è proprio di oggi la notizia dell’aver colto in flagranza di reato un cittadino salicese intento a scaricare rifiuti nelle campagne circostanti il nostro paese diventate oramai discariche a cielo aperto.

Di questo e di tanto altro, si parlerà  sabato 26 maggio alle ore 19.00 presso il Centro Parrocchiale “Don Mario Melendugno” a Salice Salentino in un evento organizzato dall’Associazione ITACA e dall’Associazione “San Francesco” Amici degli Animali.

L’incontro verterà sul tema della tutela ambientale e la salvaguardia degli animali, argomenti purtroppo sempre attuali, il ruolo delle  associazioni di categorie e l’impegno dell’amministrazione ad affrontare queste problematiche.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 24 Maggio 2018 20:34

ESERCITAZIONE “CORVUS CORAX”

Scritto da

CONCLUSA LA PRIMA FASE

DELL’ESERCITAZIONE “CORVUS CORAX”

Aeronautica Militare e Guardia di Finanza insieme in Puglia per migliorare l’integrazione nella lotta a minacce asimmetriche e ad attività criminali

​​​​Un ultraleggero trasporta clandestinamente materiale illecito attraversa lo spazio aereo italiano. Il sistema di difesa aerea dell’Aeronautica Militare (AM) si allerta su segnalazione della Guardia di Finanza (GdF). Il velivolo viene intercettato e monitorato a distanza, in modalità “shadow”, da diversi assetti aerei dell’A.M.; quindi è passato in consegna alle unità aeree del Corpo della GdF che lo controllano fino all’atterraggio sull’aviosuperficie di Lecce - Fondone. Qui, ad aspettare il velivolo clandestino, ci sono le pattuglie automontate del Comando Provinciale per le previste attività di polizia giudiziaria.

In realtà si tratta di una simulazione e l’ultraleggero è un velivolo S-208 del 60° Stormo di Guidonia. L’attività, pianificata con cura nell’ambito dell’esercitazione denominata “Corvus Corax”, Corvo Imperiale, si è svolta nella mattinata di giovedì 24 maggio e avrà un seguito il prossimo 28 maggio. Questa volta però sarà impegnato un gommone della Guardia di Finanza che simulerà un natante veloce adibito al trasporto illegale di armi o sostanze stupefacenti che penetra le acque territoriali italiane fino all’approdo sul litorale pugliese.

L’esercitazione mira a ottimizzare l’integrazione tra le Istituzioni dello Stato e a dimostrare come l’utilizzo sinergico di diverse componenti militari e Corpi armati dello Stato consenta di ampliare le possibilità di impiego del dispositivo di Difesa Aerea a supporto delle operazioni delle Forze dell’Ordine, a tutela della comunità e della legalità.

Più in particolare la Corvus Corax, che è alla sua seconda edizione, nasce dall’esigenza, maturata negli ultimi anni, di fronteggiare minacce di natura asimmetrica, rappresentate anche da vettori dall’impiego non strettamente militare, quali ad esempio velivoli dalle basse prestazioni, bassa velocità e volo condotto a bassa e bassissima quota. Con l’edizione di quest’anno, è stato introdotto quale obiettivo dell’intercettazione anche un natante, allo scopo di estendere e ottimizzare la capacità di intervento contro un’altra tipologia di mezzo di trasporto, usato spesso per attività criminali.

Nell’odierna esercitazione l’Aeronautica Militare ha impiegato, oltre agli Enti adibiti al Controllo del Traffico Aereo e della Difesa Aerea e all’S-208, diversi velivoli, che si sono alternati nel controllare a distanza il vettore illegale: i caccia F-2000 “Typhoon” del 36° Stormo di Gioia del Colle (BA), impiegati quotidianamente proprio per difendere lo spazio aereo nazionale; gli elicotteri HH-139 dell’84° Centro C-SAR (Combat Search and Rescue), sempre di Gioia; gli F-35 del 32° Stormo di Amendola (FG), già inseriti nel contesto della Difesa Aerea nazionale, il cui utilizzo per questo tipo di attività è reso possibile dalla sorprendente flessibilità di impiego e dalla sua elevatissima capacità di raccogliere informazioni senza essere osservato; infine il CAEW (Conformal Airborne Early Warning), vera e propria stazione volante di scoperta, comando e controllo, anch’essa esempio di tecnologia avanzata, in grado di dialogare con tutti gli assetti coinvolti e coordinarne le operazioni.

L’elicottero HH-139 della GdF, recentemente acquisito dal Corpo nell’ambito di un complessivo programma di ammodernamento della propria flotta, è dotato di un innovativo sistema di missione (denominato RW ATOS) costituito da sensori di ricerca e scoperta ad altissime prestazioni che permette di eseguire, anche in tempo di notte, missioni di pattugliamento aeromarittimo per il contrasto dei traffici illeciti perpetrati in danno dell’Italia e dell’Unione Europea, nell’ambito dei compiti in via esclusiva di polizia economico-finanziaria e di polizia unica del mare attribuiti al Corpo.

La Guardia di Finanza, forte delle recente attribuzione della responsabilità operativa esclusiva di garantire l’ordine e la sicurezza pubblica in mare, partecipa al dispositivo di avvistamento e intercettazione mediante l’impiego dei suoi assetti aeronavali, quotidianamente impegnate nelle attività di contrasto ai traffici illeciti.

Le operazioni sono coordinate a livello nazionale dalla Centrale Operativa del Comando Generale della Guardia di Finanza, coinvolgendo i Comandi Provinciali di Bari e Lecce e il Reparto Operativo Aeronavale di Bari.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Arriva presso l’aeroporto militare di Galatina l'ultimo progetto di "FANTASYLANDIA", Cooperativa Sociale Onlus attiva sul territorio salentino dal 2011 nell'ambito del sociale.Arriva presso l’aeroporto militare di Galatina l'ultimo progetto di "FANTASYLANDIA", Cooperativa Sociale Onlus attiva sul territorio salentino dal 2011 nell'ambito del sociale.
E' stata battezzata con il nome “Nido degli Aquilotti” la struttura che accoglierà fino a 16 bambini dai 3 ai 36 mesi del personale dipendente e della società civile con  rette a carico della Regione Puglia.
Ad attendere i più piccoli un gruppo di lavoro qualificato e caratterizzato dalla passione per l’istruzione e la formazione.
Una serie di vecchi locali dismessi sono stati trasformati e ripensati, colorati ed arredati per creare spazi ad hoc per i piccoli.
Pochi giorni fa l'inaugurazione a cui erano presenti il Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Umberto Baldi, l’Ordinario Militare Monsignor Santo Marcianò, e numerose autorità locali tra cui i sindaci dei paesi vicini.    
Il col. pilota Luigi Casali, comandante dell’aeroporto, ha sottolineato che “la realizzazione dell’asilo nido costituisce un significativo traguardo per migliorare la qualità della vita del personale, recependone bisogni e aspettative”. Il generale Baldi, nel corso del suo intervento, ha posto l’accento sul processo di internazionalizzazione della scuola di volo di Galatina che “porta indubbi benefici all’intero Sistema-Paese”; ha voluto infine rimarcare il forte connubio della Base aerea con il territorio circostante.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
PORTO CESAREO (Le): Si terrà sabato 12 maggio 2018, ore 18.30 – 21:00, presso l’Isola Lo Scoglio, il convegno “Bioetica e Diritto alla Salute. Donare per la Vita”, organizzato dalla FIDAS Porto Cesareo in collaborazione con la FIDAS Leccese, l’ADISCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale) e l’ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo).

Cosimo Damiano ARNESANO, presidente FIDAS Porto Cesareo, dice:“Questo convegno apre il calendario delle attività previste per la terza edizione dell’Alto Riconoscimento VIRTU’ E CONOSCENZA”, che vanta il patrocinio oltre che del Comune di Porto Cesareo e della Regione Puglia, anche del MIUR – Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, della Provincia di Lecce, dell’Università degli Studi di Bari e dell’Università del Salento, dell’Università di Foggia e dell’UNIMED – Unione delle Università del Mediterraneo”. E aggiunge: “In Italia non ci sono donatori sufficienti per aiutare chi ha bisogno. L’obiettivo di questo convegno, pertanto, è quello di informare e sensibilizzare a compiere un gesto di solidarietà che in molti casi può salvare la vitaSi parlerà non solo di donazione del sangue, indispensabile per molte terapie e situazioni di emergenza, ma anche di donazione di organi e di tessuti, di donazione di cellule staminali attraverso prelievi dal midollo osseo, dal cordone ombelicale e dalla placenta, utilizzate per curare leucemie, talassemie ed altri gravi patologie”.

 

Dopo il benvenuto di Salvatore ALBANO (Sindaco di Porto Cesareo), daranno i saluti Emanuele GATTO (Presidente FIDAS Leccese), Cosima SERGI (Presidente FIDAS Puglia), Maria STEA (Presidente ADMO Puglia) e Giuseppe GARRISI (Presidente Nazionale ADISCO). Introdurrà e modererà Laura TUNDO FERENTE (Docente di Filosofia Morale e Bioetica all’Università del Salento). E’ prevista la testimonianza di alcune persone trapiantate.

 

INTERVERRANNO:

-       Angelo OSTUNI (Responsabile del Centro Trasfusionale del Policlinico di Bari e Direttore della Struttura Regionale di Coordinamento della Medicina Trasfusionale della Puglia), si soffermerà su “Il Reclutamento e la gestione del donatore”;

-       Nicola CASCAVILLA (Direttore del Dipartimento di Oncoematologia e Trapianto del Midollo Osseo dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo), parlerà di “Trapianto del midollo osseo. Scenario attuale e prospettive future;

-       Nicola DI RENZO (Direttore Immunoematologia e medicina trasfusionale dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce), darà “Indicazioni al trapianto di cellule staminali”;

-       Michele SANTODIROCCO (Medical Director della Banca del Cordone Ombelicale della Regione Puglia) tratterà “La funzione della banca del sangue cordonale. Le malattie curabili con l’utilizzo delle cellule del sangue staminale”;

-       Vanessa DE PACE (Ricercatrice in Chirurgia Generale Trapianti c/o Ospedale Sant’Orsola di Bologna), relazionerà su “Incremento del donator pool nel trapianto di fegato e rene”.

 

Concluderà Maurizia PIERRI (Docente Diritto Pubblico Comparto all’Università del Salento), che a 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione della Repubblica Italiana si soffermerà sul diritto alla salute.

 

Per l’occasione saranno consegnate le Onorificenze ai donatori FIDAS Porto Cesareo, mentre ai giovani che compiono la maggiore età nel 2018 sarà consegnata, in omaggio, una copia della Costituzione della Repubblica Italiana.

L’ingresso è libero.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Domenica, 06 Maggio 2018 10:11

PD Salice – Incontro sul biotestamento

Scritto da

SALICE SALENTINO – La sezione locale del Partito Democratico ha organizzato un incontro sul biotestamento, legge targata PD del 2017.

Il luogo dell’incontro è stato il Centro Sociale Parrocchiale, dove in tanti hanno partecipato all’iniziativa che ha visto come relatori l’Onorevole Salvatore Capone (PD), l’avvocato Sergio Limongelli (presidente camera forense neretina), Don Giuseppe Pendinelli (parroco), e Dott. Enzo Caroprese (direttore Hospice – ASL Lecce – San Cesario). Assente, per motivi di salute, il Reverendo Don Pietro de Punzio (parroco Mater Domini e Giudice del Tribunale Ecclesiastico Pugliese) al quale vanno gli auguri di pronta guarigione del Circolo PD salicese. A moderare la serata è stato Mimmo Arnesano, il quale ha sottolineato come il biotestamento non è eutanasia e ha letto alcuni commi della legge (la 219/2017, ndr).

Ogni relatore ha approfondito il tema dal proprio punto di vista professionale. Nel suo intervento l’Onorevole Capone ha spiegato l’importanza di questa legge e ha raccontato tutto il lavoro “di unione” che c’è stato all’interno della commissione per la sua stesura e approvazione.

L’avvocato Limongelli ha approfondito l’aspetto tecnico/burocratico, spiegando inoltre, rispondendo a una nostra domanda, che all’interno della legge non è previsto l’obiezione di coscienza e che il Ministero della Salute non ha nessuno strumento legale/legislativo per inserirla.

Il Dott. Enzo Caroprese, anestesista, ha raccontato come storicamente l’accanimento terapeutico fosse già non accettato dalla nostra società nei decenni scorsi. Ha parlato del suo lavoro e di quanto è difficile anche per le famiglie vedere i propri cari soffrire. Anche lui è intervenuto a seguito della nostra domanda sull’obiezione di coscienza, spiegando come è differente l’obiezione di coscienza prevista dalla legge sull’aborto rispetto a quelle non prevista nel biotestamento, in quanto gli argomenti sono su piani differenti. Don Pietro de Punzio ha rimarcato le parole di Papa Francesco e la posizione della chiesa, contraria all’eutanasia ma anche all’accanimento terapeutico, invitando quindi ha trovare la giusta via tra questi due paletti (spiegando come già nel 1981, una commissione Vaticana aveva già trattato questi temi).

Tra gli interventi anche quello di Enzo Marinaci, segretario del PD locale, che oltre a ringraziare i presenti e i relatori ha rimarcato quanto è stato importante il lavoro che il Partito Democratico ha fatto su un tema così importante.

Presente anche l’avvocato Marco Ligori (capogruppo di maggioranza al Consiglio Comunale di Salice Salentino) che, rispondendo a una nostra domanda per l’Onorevole Capone sul come fosse possibile che nell’81 il Vaticano già trattava temi del genere e l’Italia no, ha spiegato come in scelte come queste la Chiesa Cattolica in Italia è forte e presente “ieri più di oggi”.

In chiusura il moderatore Mimmo Arnesano ha annunciato che nei prossimi giorni la sezione del Partito Democratico, presenterà una richiesta formale al Comune di Salice Salentino per l’istituzione di un registro pubblico per le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento, presenti nella legge).

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Realizzato presso l’aeroporto militare di Galatina un asilo nido destinato ai figli dei dipendenti e non solo

Inaugurato presso l’aeroporto militare di Galatina un asilo nido destinato, oltre che ai figli del personale militare e civile della Base, anche ai piccoli delle famiglie residenti nei comuni limitrofi.

Il servizio, attivato per migliorare la qualità della vita del personale dipendente, è infatti aperto anche alla società civile, a conferma, ancora una volta, degli ottimi rapporti esistenti tra la Base aeronautica e la popolazione salentina.  

La struttura, simpaticamente denominata “Nido degli Aquilotti”, è stata realizzata recuperando vecchi locali ormai dismessi ed è capace di accogliere fino a 16 bambini.

All’inaugurazione erano presenti il Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Umberto Baldi, l’Ordinario Militare Monsignor Santo Marcianò, e numerose autorità locali tra cui i sindaci dei paesi vicini.    

Il col. pilota Luigi Casali, comandante dell’aeroporto, ha sottolineato che “la realizzazione dell’asilo nido costituisce un significativo traguardo per migliorare la qualità della vita del personale, recependone bisogni e aspettative”. Il generale Baldi, nel corso del suo intervento, ha posto l’accento sul processo di internazionalizzazione della scuola di volo di Galatina che “porta indubbi benefici all’intero Sistema-Paese”; ha voluto infine rimarcare il forte connubio della Base aerea con il territorio circostante.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 1 di 34

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi38
Ieri168
Questa Sett.737
Questo Mese3674
Totale1466017

Venerdì, 17 Agosto 2018 05:48

Chi è on line

Abbiamo 191 visitatori e nessun utente online