Salute
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 10 Marzo 2017 09:56

Imid e Laboratorio di Analisi

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Riportiamo fedelmente quanto comunicato da Giovanni De Luca, Consigliere dell’Unione dei Comuni del Nord Salento

Quello che sta avvenendo a danno nel nostro ospedale in Campi Salentina è grave ed inaccettabile. Ho sollevato da tempo un faro su Imid e Laboratorio di analisi.

Su Imid si è alzato un incomprensibile cappa di silenzio ed isolamento e non credo solo a causa dell'indagine giudiziaria sinceramente. Malgrado tutto, rileggendo gli atti amministrativi ed i miei interventi nel tempo lasciati lì a testimonianza, ci avevo visto bene.

Per il laboratorio di analisi, l'Unione dei Comuni del Nord Salento, ha conferito mandato per avanzare un ricorso in sede amministrativa per bloccare il provvedimento regionale.

In sostanza il laboratorio viene declassato a mero centro prelievi con risvolti che saranno lesivi del diritto alla salute e della qualità del servizio pubblico.

A tale proposito vi allego il mio intervento in consiglio dell'Unione con lo scopo di farvi conoscere il mio punto di vista, informare e comunicare.
Intervento nel Consiglio dell'Unione dei Comuni del Nord Salento del 03 marzo 2017

Signor Presidente e Cari Consiglieri,
nei giorni scorsi ho ascoltato un servizio di una nota emittente televisiva: " Emiliano rilancia l’Imid", una battaglia giudiziaria ha determinato la chiusura del centro, ma a settembre è arrivata l’archiviazione. E ora, stando alle parole del governatore Emiliano, la riapertura dell’Imid potrebbe diventare realtà. Serve, però, un progetto serio e, soprattutto, condiviso.

Poi leggo su un portale che si propone la missione di divulgare notizie del posto: TRICASE L’OSPEDALE “PANICO” DI TRICASE SARA’ UNO DEI 5 CENTRI PUGLIESI PER LE MALATTIE RARE.

PUGLIA : “L’Ospedale Panico” di Tricase e’ stato scelto come uno dei cinque centri in Puglia che rientra nel “Filo di Arianna” la rete delle strutture dedicate alle malattie rare per migliorare la qualità delle cure. A completare la rete ci sono il Policlinico di Bari, l’Ospedale Giovanni XXIII di Bari, la Casa Sollievo della Sofferenza di S. Giovanni Rotondo, e gli Ospedali Riuniti di Foggia. Il Filo di Arianna e’ una rete istituita dal governo regionale che ha intrapreso alcune iniziative tra cui la nascita in tutte le Asl dei ‘Centri territoriali malattie rare’"

Bene, ed il CENTRO IMID DI CAMPI SALENTINA?

Intanto apprendere che una risposta agli ammalati sarà data dall’immediato mi rincuora. Ma al di là della sfera emozionale derivata dal fatto che ho portato avanti da solo, la battaglia nel silenzio dei muri di gomma, nel completo isolamento, la situazione necessita di opportuni chiarimenti.

Abbiamo perso un Polo scientifico di rilevanza internazionale nell’Ospedale dell’Unione dei Comuni del Nord Salento?
E se si, Perché? A vantaggio di chi? Come mai questo territorio e questo ospedale, sta perdendo centri strategici, di importanza straordinaria, per fare posto a centri di specializzazione che se pur importanti, danno meno prospettive in nome di quella famosa “cittadella della salute”?
Cittadella sbandierata da quasi tutti i programmi elettorali di tutte le nostre liste, quasi nessuna esclusa. Queste le domande alla politica locale.

Un paio di domande alla politica Regionale.

Da chi, e da che cosa sono mosse queste scelte strategiche sui territori? Con chi vengono discusse? Chi si è assunto la responsabilità politica di decidere del futuro del nostro territorio da un punto di vista del ridisegno dei centri di specializzazione che c’erano e che oggi sono rimasti?
Noi siamo fermi al 24 luglio del 2013 e ad una dichiarazione ufficiale della Regione Puglia a firma dell’Assessore Elena Gentile: non è la Regione a chiudere il centro Imid di Campi Salentina

Ultimo documento in mio possesso: la Delibera Dirigenziale del Servizio Sanitario della Puglia n 284 del 15 febbraio 2013, secondo la quale in Centro IMID è a Campi. Che cosa ci siamo perso nel frattempo?

Che cosa si è rimesso in movimento, così velocemente in quest’ultimo periodo, dopo la chiusura di una prima parte delle indagini giudiziarie?

Delle Indagini giudiziarie a questo Consiglio deve interessare relativamente, la giustizia deve fare il suo corso in maniera libera ed autonoma, è alla politica ed al territorio che bisogna dare risposte.

Ricordo a tutti che nei prossimi giorni sarà smantellato il Laboratorio di Analisi Cliniche, ridotto a mero centro prelievo. Un’altro servizio prende il largo da un punto di vista della qualità dell’offerta al cittadino. Qui voglio essere chiaro, con il supporto dell’avvocato incaricato dall’Unione dei Comuni del Nord Salento, ed un mio avvocato di parte, mi recherò presso il laboratorio per accertarmi che il tutto di svolga nei termini e nei modi previsti dalla Legge e di eventuali irregolarità informerò i Nas nel pieno dei miei poteri di Consigliere dell’Unione perché eletto dai cittadini del territorio.

Ed ora, un paio di domande “campate in aria” - Per ora campate in aria.

C’è stato danno all’erario, per lo smantellamento del Centro Imid dalle cui indagini nella prima fase, non sono emersi elementi per i quali il centro andava chiuso e smantellato? E se il danno c’è stato, in capo a chi va ad debbiato?
Ci sono stati omessi controlli dai vertici regionali della Sanità Pugliese? Ci sono responsabilità della commissione di controllo ministeriale?
Chi, è perché ha voluto la chiusura del Centro Imid di Campi Salentina?

Naturalmente Presidente, a queste risposte non dovrà adempiere lei, ma chiedo che vengano messe ugualmente a verbale.

Letto 859 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi211
Ieri1617
Questa Sett.6581
Questo Mese37597
Totale1264796

Sabato, 24 Giugno 2017 09:14

Chi è on line

Abbiamo 339 visitatori e nessun utente online