Salute
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Giovedì, 05 Maggio 2016 13:30

LATTE: PREZZO DA STALLA A SCAFFALE + 345%, IN 3 MESI AD ALLEVATORI REMUNERAZIONE -20%; GOVERNATORE PUGLIA EMILIANO FIRMA MANIFESTO SU ETICHETTATURA

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Coldiretti ha regalato provocatoriamente  il vero latte ‘100% Muuunto in Puglia’

Il prezzo del latte alla stalla è crollato del 20% negli ultimi 3 mesi fino a 0,35€ al litro, mentre il costo del latte fresco moltiplica più di quattro volte dalla stalla allo scaffale e oscilla attorno ad € 1,50.  All’inizio del regime delle quote latte nel 1984 in Italia il latte veniva pagato in media agli allevatori 0,245 euro al litro – ricorda la Coldiretti - mentre i consumatori lo pagavano 0,40 euro al litro (780 lire), con un ricarico quindi del 63 per cento dalla stalla alla tavola. Nel 2000 agli allevatori il latte veniva pagato 0,32 euro al litro mentre i consumatori lo pagavano un euro al litro, con un aumento del 213 per cento dalla stalla alla tavola. Oggi la forbice si è ulteriormente allargata e il prezzo del latte fresco mostra un ricarico del 355 per cento.

Negli ultimi 3 mesi i trasformatori pugliesi hanno deciso unilateralmente di abbassare il prezzo del latte alla stalla, portandolo spesso sotto i costi di produzione che, invece, sono aumentati, In particolare i mangimi (+9,1%) ed il costo energetico (+8%) hanno notevolmente appesantito il bilancio delle aziende zootecniche regionali.

Per questo in maniera provocatoria i giovani allevatori di Coldiretti Puglia hanno regalato il latte fresco pastorizzato ‘100% Muuunto in Puglia’, esattamente a Martina Franca e fatto imbottigliare per l’occasione, ai cittadini – consumatori di Bari e al Presidente della Regione Puglia Emiliano che ha sottoscritto il ‘Manifesto per l’Etichettatura’.

“Oltre all’inganno a danno dei consumatori – incalza il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele – si tratta di concorrenza sleale nei confronti degli stessi industriali e artigiani che utilizzano esclusivamente latte locale. L’insidia alla salute dei consumatori e l’erosione della capacità di competere dei nostri allevatori e dei nostri coltivatori dipendono da un unico fattore, dall’assenza di etichettatura obbligatoria sull’origine delle materie prime. Per questo abbiamo chiesto al Governatore Emiliano di sottoscrivere il nostro Manifesto sull’Etichettatura, perché tutte le Regioni devono sostenere lo sforzo del Ministro e del Governo lungo la strada tracciata dalla Francia, creando una cintura di sicurezza per i nostri allevatori che devono poter competere alla pari e per la salute dei nostri consumatori debbono poter scegliere in perfetta consapevolezza attraverso l’introduzione dell’etichettatura obbligatoria sull’origine”.

In Puglia a fronte dei 1.939 allevamenti che producono 3,6 milioni di quintali di latte bovino, le importazioni di latte dall’estero raggiungono i 2,7 milioni di quintali, e i 35mila quintali di prodotti semi-lavorati quali cagliate, caseine, caseinati e altro, utilizzati per fare prodotti lattiero-caseari che vengono, poi, venduti come prodotti lattiero-caseari “Made in Puglia”.

“A nulla sono serviti anche gli sforzi dell’assessore all’Agricoltura Di Gioia di insediare il tavolo di trattative – denuncia il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti - per un accordo sul prezzo del latte remunerativo ed equo, I trasformatori non si sono neppure presentati. I nostri allevamenti versano in una grave situazione, per colpa del prezzo del latte troppo basso e delle importazioni di latte e prodotti semilavorati dall’estero, utilizzati per fare mozzarelle e formaggi spacciati per ‘Made in Puglia’. Per questo tutti i soggetti della filiera che hanno percepito finanziamenti pubblici – non demorde Corsetti  – non possono tirarsi indietro, devono rispettare fino in fondo il percorso di filiera intrapreso, anche sul fronte dei prezzi riconosciuti agli allevatori”.

Con la pratica troppo diffusa delle offerte e della vendita di prodotti a prezzi stracciati, anche una parte della Grande Distribuzione Organizzata rende insostenibili i costi di una produzione di qualità e realmente garante della sicurezza alimentare. Sono riuscite a sopravvivere con grande difficoltà appena 2.700 stalle, a causa principalmente del prezzo del latte, oggi dovuta non solo alla crisi, ma anche e soprattutto a queste evidenti anomalie di mercato. La vera e unica indicizzazione di cui il comparto zootecnico ha bisogno è il vincolo indissolubile tra il prezzo del latte alla stalla e il costo di latte e formaggi che i consumatori acquistano nei negozi e nei supermercati.

Determinante l’annunciata moratoria sui debiti degli allevamenti da latte e da carne bovina e suina per non fare chiudere le imprese agricole che da troppo tempo sono costrette a lavorare con prezzi di vendita al di sotto dei costi di produzione. Servono misure nazionali di rapida attuazione con una moratoria su mutui e prestiti agli allevamenti di 24/36 mesi, nonché un riposizionamento debitorio dal breve al medio lungo termine ed un impegno straordinario sui fondi di garanzia.

In soli 10 anni in Puglia hanno chiuso circa 3.800 stalle, una agonia veloce e drammatica degli allevamenti, con un crollo pari ad oltre il 58% del patrimonio zootecnico pugliese.

Letto 258 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi420
Ieri430
Questa Sett.1272
Questo Mese7784
Totale1318250

Mercoledì, 20 Settembre 2017 22:13

Chi è on line

Abbiamo 169 visitatori e nessun utente online