Salute
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Giovedì, 15 Agosto 2013 16:09

Attenti ai tuffi!

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Attenti ai tuffi! Sono fra le maggiori cause di traumi che portano alla tetraplegia e all'annegamento. Lo Sportello dei Diritti invita a prestare la massima attenzione ed ai genitori di impedirli ai figli. Ed ai gestori di piscine pubbliche: occhio alle vostre responsabilità

 

Registriamo, purtroppo, l'ennesimo dramma della notte delle stelle cadenti avvenuto nel Salento, ma tanti ne contano le cronache in tutta Italia in ogni stagione: un tuffo per la notte di San Lorenzo nelle acque basse e la fatalità colpisce una giovane donna di soli 33 anni costretta in rianimazione con tutta probabilità a causa delle lesioni riportate. Se si tratta di leggerezza, inesperienza o semplice fatalità non si sa ancora, ma anche questa volta un istante, un basso volo verso il blu si é trasformato in tragedia. Lo ripeteremo sino alla noia,perché quando ci si introduce in acqua sia che si tratti di mare, lago, fiume o piscina è sempre bene fare molta attenzione altrimenti si rischia di passare conseguenze gravissime se non letali. A porre la questione sul "rischio tuffi" è Giovanni D'Agata, presidente e fondatore dello  “Sportello dei Diritti" che consiglia di non sottovalutare i rischi connessi, troppo spesso determinati da negligenze, imperizie, distrazioni, ma anche da un certo esibizionismo che ci fa trascurare le più elementari regole dell'approcciarsi ai liquidi.

Il problema essenziale é quindi anche di natura culturale ed educativo, perché sono soprattutto i giovani ad essere predisposti e a gareggiare in abilità quasi sfidandosi a chi salta dal punto più in alto o a chi riesce a fare le acrobazie più ardite senza alcuna preparazione tecnica se non quella accumulata con tentativi precedenti andati fortunatamente bene. Bene, perché troppo spesso si sottovaluta una questione fisica inoppugnabile: il pelo dell'acqua se non infranto rompendone preventivamente la tensione molecolare superficiale é un vero e proprio muro su cui ci si va a sbattere con conseguenze mai prevedibili che, come ripetuto, possono diventare drammi e portare sino alla tetraplegia e all'annegamento se si perde i sensi e si sta troppi istanti nell'acqua senza riprender fiato.É bene, infatti, per innalzare l'attenzione di tutti, alla luce dell'ultimo dramma estivo, ma anche di quanto accade nelle piscine pubbliche e private durante la stagione invernale, ricordare che i tuffi risultano statisticamente essere tra le cause principali di tetraplegia e di danni alla colonna vertebrale e che la sottovalutazione delle conseguenze é tra le principali cause di queste gravi lesioni tra i principianti e tra chi si improvvisa tuffatore. In ultimo, facciamo presente che i proprietari e i gestori delle piscine possono essere responsabili dei danni subiti dai bagnanti quando non gli informano correttamente e adeguatamente circa i pericoli conseguenti alla balneazione e quindi ai tuffi.

Lecce, 12 agosto 2013                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

Letto 30912 volte Ultima modifica il Giovedì, 15 Agosto 2013 16:23

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi947
Ieri1585
Questa Sett.2532
Questo Mese9087
Totale1335774

Martedì, 17 Ottobre 2017 22:30

Chi è on line

Abbiamo 232 visitatori e nessun utente online