Salute
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 12 Luglio 2013 08:55

Un robot programmato per fare i bambini. La nuova frontiera della fecondazione in vitro senza l’ausilio dell’uomo

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)


 

Un'invenzione australiana è destinata a rivoluzionare la fecondazione in vitro rimuovendo il fattore umano, e a migliorare le speranze di molte coppie che hanno difficoltà riproduttive.

Arriva dall’Australia, rileva Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, la notizia del primo "strumento di vetrificazione automatizzato", chiamato Gavi, che servirà anche a ridurre drasticamente il tempo necessario per ordinare manualmente e congelare gli embrioni.

La vetrificazione è il processo di rapido congelamento degli embrioni per un uso successivo degli ovociti da parte delle donne.

Sam Lanyon General Manager della Genea Biomedx che ha realizzato il dispositivo ha detto che il robot Gavi consentirà di standardizzare un processo altamente manuale che è attualmente oggetto di errore umano.

Lanyon ha specificato che il "Gavi standardizza il processo di vetrificazione, il che significa che ogni singolo embrione in laboratorio viene trattato esattamente nello stesso modo ogni volta".

"Nei laboratori di fecondazione in vitro in tutto il mondo, la vetrificazione è attualmente effettuata molte volte ogni giorno da embriologi, che richiede un alto livello di abilità manuale e che porta a variazioni nel modo in cui gli embrioni vengono trattati. Ciò che abbiamo fatto è creare uno strumento, un robot, che svolge automaticamente quel processo ad alta intensità di manodopera”.

"Una delle cose per le quali siamo molto entusiasti è che, standardizzando il processo di vetrificazione e garantendo che ogni embrione viene trattato nel modo migliore possibile, siamo in grado di migliorare i risultati e aumentare il numero dei pazienti che assumono a casa un bambino in buona salute".

L'azienda una veterana nel campo di fecondazione in vitro perché opera nel settore da oltre 26 anni, ha inoltre, specificato, che vi è stato un intenso interesse per l'invenzione da parte della Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia che terrà una conferenza a Londra questa settimana.

Lo scienziato e embriologo Tammie Roy ha detto alla conferenza di ieri che più di 5000 embrioni di topo erano stati testati attraverso lo strumento, restituendo risultati equivalenti a quelli ottenuti con l'attuale processo di vetrificazione manuale.

 

Giovanni D'Agata

 

Letto 928 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi202
Ieri661
Questa Sett.1127
Questo Mese15839
Totale1361292

Mercoledì, 22 Novembre 2017 10:13

Chi è on line

Abbiamo 206 visitatori e nessun utente online