Salute
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Giovedì, 13 Giugno 2013 18:35

METALLI TOSSICI NEL LIQUIDO DELLE SIGARETTE ELETTRONICHE

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Le polemiche continuano sul fronte "E-cig", e non sembrano volersi placare facilmente.

Argomento caldo e fortemente dibattuto in questi ultimi giorni ,  le ormai famosissime sigarette elettroniche non smettono di suscitare clamore, ma soprattutto, le persone (fumatrici o meno) continuano ad  interrogarsi  su quali materiali siano davvero  contenuti  in  questi meccanismi  elettronici tanto in voga fra grandi ed adolescenti.

 

E a quanto pare  non ci sono buone notizie a riguardo , anzi sembra che la situazione si stia complicando sempre più  perchè   i risultati delle ultime ricerche   hanno  registro alti tassi di metalli pesanti tossici (piombo, cadmio, cromo e arsenico) all'interno del liquido utilizzato nelle sigarette elettroniche. Tutto questo è stato rilevato dal dipartimento di Farmacia dell'Università "Federico II" di Napoli.

 

L'esito negativo su tutti i fronti ha spinto il procuratore di Torino, Raffaele Guariniello, ad aprire  un nuovo fascicolo di indagine nell'ambito dell'inchiesta sulle sigarette elettroniche, per far luce su un qualcosa che tutto appare tranne che chiara e vivida.

 

Perchè oltre alla loro tossicità, ciò che viene più volte recriminato è la mancanza di una normativa che possa rischiarare una situazione definita sotto molti aspetti "completamente fuori controllo",una normativa che possa definire chiaramente le sostanze ammesse, quelle tossiche, i limiti , paletti necessari a rassicurare non solo chi ormai fa uso quotidiano di tali e-cigs , ma tutta la popolazione nel suo complesso che ora vuole vederci chiaro,  una volta per tutte, su tale argomento.

Letto 1466 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Marzia Ianne

Laureata in "Scienza e Tecniche Psicologiche" all'Università del Salento. Da grande vorrebbe fare la psicoterapeuta o la scrittrice. Ama leggere qualsiasi cosa le capiti per le mani ma predilige i grandi classici della letteratura. Attualmente è tiratrice della squadra di carabina presso Poligono di Lecce.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi423
Ieri430
Questa Sett.1275
Questo Mese7787
Totale1318253

Mercoledì, 20 Settembre 2017 22:16

Chi è on line

Abbiamo 198 visitatori e nessun utente online