Salute
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Mercoledì, 01 Maggio 2013 08:18

KILLER JEANS: QUANDO LA MODA PROVOCA LA MORTE

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)


A chi non piacciono i jeans. Tutti, almeno una volta nella vita, hanno posseduto questo capo che sembra non passare mai di moda , anzi sembra rinnovare la sua forza, anno dopo anno, sempre di più, imponendosi sul mercato mondiale stagione dopo stagione. C'è chi ne ha un solo paio che indossa a lavoro, chi ne compra di innumerevoli sviluppando una vera e propria passione , chi li preferisce scuri e semplici, e chi li porta sbiaditi e slavati come se fossero apparentemente usurati.

 

Ecco, è proprio contro quest'ultimo tipo di jeans che da anni ormai si sta combattendo una vera e propria battaglia a livello mondiale che lascia ancora migliaia di vittime sul campo.

Si, perchè, proprio questi bellissimi jeans, propugnati dalle più blasonate case di moda, in realtà sarebbero macchiati del sangue di numerosi lavoratori sottopagati e sfruttati fino all'inverosimile ,che per poterli produrre utilizzano il tanto condannato metodo della sabbiatura.

Ma cosa è la sabbiatura? Il sandblasting, la tecnica usata per la sabbiatura del denim, è un metodo che consiste nel sottoporre i jeans al getto potente di polveri abrasive in modo da conferirgli un aspetto invecchiato.

Nel corso del tempo, grazie a numerosi studi e all'intervento delle OGN (organizzazioni non governative) si è scoperto che tale tecnica può provocare la silicosi. Una forma acuta, che colpisce nell’arco di 6-24 mesi di duro lavoro. E che è, spesso, letale. Un prezzo un po’troppo alto da pagare, per un paio di pantaloni alla moda, non credete?

Nonostante l'Unione Europea abbia già posto i divieti necessari, tale metodo viene ancora oggi fortemente utilizzato in numerosi paesi in cui, ancora, non si è riusciti a porre i dovuti paletti, quali ad esempio la Cina, Bangladesh, Messico, Egitto; paesi dove i controlli sono scarsissimi e la mano d'opera sottopagata.

E così, invece dello 0,5% di silice (il «tetto» previsto dalle direttive comunitarie, negli Usa elevato all’1%), la sabbia utilizzata in questi paesi supera l’80% del livello di silice. Inoltre tale lavoro viene svolto senza alcun tipo di protezione , lavorando a mani nude, senza tute o mascherine, condannando questa gente non solo a condizioni lavorative pessime ma anche ad una fine certa e disumana.

Quindi quando state per acquistare un nuovo paio di stupendi jeans alla moda, controllate l'etichetta posta all'interno , e se risultano provenire da questi paesi pensate a tutto quello che avete letto sopra e rifletteteci su un attimo: vale la pena macchiarsi del sangue di questa povera gente per dei semplicissimi jeans che tra qualche mese, magari, non metterete neanche più?

Letto 716 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Marzia Ianne

Laureata in "Scienza e Tecniche Psicologiche" all'Università del Salento. Da grande vorrebbe fare la psicoterapeuta o la scrittrice. Ama leggere qualsiasi cosa le capiti per le mani ma predilige i grandi classici della letteratura. Attualmente è tiratrice della squadra di carabina presso Poligono di Lecce.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi573
Ieri578
Questa Sett.4538
Questo Mese35554
Totale1262753

Giovedì, 22 Giugno 2017 20:26

Chi è on line

Abbiamo 179 visitatori e nessun utente online