ALIMENTAZIONE E SALUTE
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Marina Arnesano

Marina Arnesano

Marina Arnesano: Laureata in Biologia agro-alimentare e della nutrizione presso l’Università del Salento, è iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi. Nel 2009 ha avviato la libera professione di Biologa Nutrizionista a Salice Salentino e si occupa dell'elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in condizioni fisiopatologiche accertate.

Giovedì, 04 Dicembre 2014 18:35

DICEMBRE: È TEMPO DI…PANETTONE!!!

Durante il periodo natalizio ci sono diverse occasioni per gustare piatti e dolci tipici della tradizione. Tra questi non può mancare il panettone. Ma possiamo consumarlo con serenità? Vediamo un po’ la sua composizione.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Lunedì, 03 Novembre 2014 18:35

NOVEMBRE: è tempo di…ZUCCA!

zucca.jpg

Un interessante ortaggio che possiamo trovare sulle nostre tavole nel mese di Novembre è la zucca. Come tante verdure già descritte in questa rubrica, la zucca può rappresentare un’importante alleata delle diete ipocaloriche, poichè pur essendo dolce e gustosa, apporta soltanto 18 kcal per 100g di prodotto. Ciò è dovuto al contenuto di acqua che raggiunge il 94,6%; mentre i carboidrati rappresentano soltanto il 3,5% e le proteine l’1,1%.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 03 Ottobre 2014 20:02

OTTOBRE: è tempo di…tè verde!

Con l’arrivo dell’Autunno e l’abbassamento delle temperature, succhi di frutta e bevande fresche lasciano spazio a infusi e tisane.

La seconda bevanda al mondo più utilizzata dopo l’acqua sembrerebbe essere il tè verde. Esso possiede numerose proprietà biologiche: è particolarmente ricco in flavonoidi, tra cui spiccano le catechine, note per esercitare importanti effetti nei confronti di patologie croniche come il cancro, il diabete, malattie cardiovascolari e neurodegenerative. Inoltre la coniugazione della catechine con acido gallico riduce i livelli di colesterolo nel sangue e l’ipertrigliceridemia postprandiale.

Il tè verde è anche ricco di vitamine, alcaloidi, aminoacidi e minerali. La caffeina è presente in percentuale molto bassa, circa il 3%, insieme a teobromina e teofillina. Per il suo contenuto in L-teanina (un aminoacido) questa preziosa bevanda ha pure proprietà antistress, ansiolitiche e rilassanti. Una delle più rinomate caratteristiche del tè verde è la sua capacità antiossidante: è scientificamente dimostrato infatti che un regolare consumo di tè verde può contribuire ad aumentare la resistenza cellulare agli stress ossidativi e contribuire anche a potenziare la risposta immunitaria.
Una tazza di tè verde apporta circa 100-150mg di catechine, quindi 2-3 tazze di tè possono garantirne un apporto sufficiente per ottenere i loro effetti benefici.

ATTENZIONE!!! La preparazione del tè verde è una procedura che ha delle regole ben precise e che con poche mosse sbagliate può annullare molti degli effetti biologici di questa bevanda:
1. Per una corretta estrazione delle catechine è fondamentale che l’acqua utilizzata sia circa a 80° (e non 100°), in quanto temperature maggiori porterebbero alla degradazione di queste molecole.

2. I tempi di infusione devono essere ridotti a 2-3 minuti, altrimenti la bevanda assumerà un sapore amaro per un eccessivo rilascio di tannini.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Martedì, 29 Luglio 2014 14:03

AGOSTO - SETTEMBRE: è tempo di…PEPERONI

La stagione estiva è piacevole non soltanto per l’enorme varietà di frutti che ci mette a disposizione, ma anche per i buonissimi e coloratissimi ortaggi. Tra questi ultimi il peperone racchiude delle importanti proprietà in pochissime calorie (22 kcal/100g), perciò non dovrebbe mancare dalla nostra tavola. Come la maggior parte dei vegetali estivi, il peperone ha un’elevata quantità di acqua, un modesto contenuto di carboidrati, per lo più glucosio e fruttosio, e una minima dose di proteine (0,9g su 100g di prodotto) e lipidi (0,3g su 100g di prodotto).

Eccezionale la quantità di vitamine, in particolare la vitamina C, presente in abbondanza (151mg/100g) e la provitamina A (carotene), che con la loro funzione antiossidante contribuiscono alla prevenzione di diverse patologie come tumori, malattie cardiovascolari e invecchiamento precoce.

I peperoni sono anche delle straordinarie riserve di sali minerali: ricchi di potassio (210mg per 100g) e poveri di sodio (2mg per 100g), aiutano a combattere la ritenzione idrica e a mantenere l’equilibrio idro-salino dell’organismo. Contengono anche fosforo (28mg per 100g), calcio (17mg per 100g), ferro (0,7mg per 100g) e zinco (0,2mg per 100g).

Vale la pena quindi inserire il peperone nella nostra dieta estiva: possiamo consumarlo crudo nell’insalata, come condimento della pasta, al forno, ripieno o grigliato come contorno a un secondo piatto.

Attenzione però…il peperone può avere delle controindicazioni per chi soffre di malattie gastroenteriche, cistite, ipertensione, calcolosi renale.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Martedì, 01 Luglio 2014 00:51

LUGLIO: è tempo di…MELONE!

melone.jpg

 

Uno dei tanti frutti gustosi dell’estate è senza dubbio il melone. Per il suo elevato contenuto di acqua ha proprietà rinfrescanti, diuretiche e lassative ed è un ottimo integratore per le stagioni calde. Notevole anche la presenza nel melone di sali minerali e vitamine. Tra i sali, il calcio, il fosforo, il magnesio e il potassio contribuiscono all’equilibrio idro-salino del nostro organismo. Le vitamine svolgono diverse funzioni: la vitamina A, nella forma di beta-carotene, ha azione antiossidante insieme alla vitamina C, anch’essa deputata alla prevenzione dei radicali liberi. Per di più le vitamine del gruppo B presenti in questo frutto contribuiscono a rinforzare le ossa e i denti e a migliorare la capacità visiva.

Durante una dieta ipocalorica non bisogna rinunciare al melone. Esso può essere presente sulle nostre tavole come antipasto, insieme al prosciutto crudo oppure può essere mangiato a merenda con un vasetto di yogurt magro.

Questo prezioso frutto è particolarmente indicato per chi soffre di iperuricemia e di gotta, di emorroidi e di reumatismi. Ma potrebbero esserci anche degli effetti indesiderati: chi ha problemi di coliti o ulcere, dovrebbe consumarlo con moderazione.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 30 Maggio 2014 16:31

GIUGNO: è tempo di… GELSI!

 Durante il mese di Giugno gli alberi di gelso sono ricchi dei loro frutti, che possono essere di colore nero/viola, rosso o bianco. Queste piccole more sono in realtà delle miniere di sostanze benefiche per la salute.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Martedì, 29 Aprile 2014 08:39

MAGGIO: è tempo di…CILIEGIE!

 La ciliegia è un ottimo alleato della salute e della bellezza. Il suo consumo è consigliabile durante le diete dimagranti, sia per l’esiguo apporto di calorie (86 Kcal per 100g di prodotto), sia per l’elevato contenuto di acqua (circa l’80%).

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Martedì, 01 Aprile 2014 11:59

APRILE: è tempo di…CARCIOFI!

Il carciofo può essere considerato un concentrato di virtù benefiche, racchiuse in sole 22 Kcal su 100g di prodotto fresco. Ricchissimo di sali minerali, quali calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio, contiene anche una modesta quantità di vitamine. È un’importante fonte di fibra alimentare, in particolare di inulina, un polisaccaride che l’organismo metabolizza diversamente dagli altri zuccheri ed è in grado di migliorare il controllo glicemico nei diabetici e di ridurre i livelli di colesterolo nel sangue. Gli effetti benefici che il carciofo ha sulla salute sono legati anche al suo contenuto in polifenoli, tra i quali merita una particolare attenzione la cinarina, la sostanza responsabile del suo caratteristico sapore amaro. Sembrano proprio dovute alla cinarina le capacità diuretiche, disintossicanti ed epatoprotettive di questo ortaggio. Inoltre una ricerca pubblicata su “Nutrition and Cancer” ha evidenziato che i polifenoli del carciofo contrastano l’azione ossidativa dei radicali liberi e interferiscono con i processi molecolari che inducono la trasformazione tumorale.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Venerdì, 28 Febbraio 2014 21:01

MARZO: è tempo di…CAROTE!


Gli ortaggi protagonisti della nostra rubrica nel mese di Marzo sono le carote. Esse in realtà sono reperibili durante tutte le stagioni e possiamo consumarle in tutti i mesi dell’anno.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 30 Gennaio 2014 08:48

FEBBRAIO: è tempo di…FINOCCHIO!

Il finocchio coltivato è spesso presente sulle nostre tavole invernali. Rappresenta uno degli ortaggi più graditi da grandi e piccini e può essere consumato con tranquillità per il suo esiguo apporto calorico. Se mangiato crudo prima dei pasti, aiuta a ridurre la fame, poiché le fibre in esso contenute aumentano il senso di sazietà. Potrebbe però essere consumato anche alla fine del pranzo o della cena perché, come la frutta, lascia una sensazione di freschezza e di pulizia della bocca, ma ha un minore quantitativo di zuccheri. Essendo molto ricco di acqua e sali minerali, il finocchio rappresenta anche un importante alleato contro ritenzione idrica, stanchezza e affaticamento (per il suo particolare contenuto di potassio e di fosforo). Inoltre, i fitoestrogeni, ormoni vegetali presenti in esso, aiutano a prevenire i sintomi della menopausa e i disturbi del periodo premestruale.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 1 di 3

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi8
Ieri157
Questa Sett.544
Questo Mese3831
Totale1516197

Venerdì, 26 Aprile 2019 01:52

Chi è on line

Abbiamo 107 visitatori e nessun utente online