ALIMENTAZIONE E SALUTE
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Martedì, 15 Gennaio 2013 16:02

MANGIARE LENTAMENTE E CON CONSAPEVOLEZZA

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)


Ascoltando i miei pazienti durante l’anamnesi ho capito che mangiare troppo velocemente e senza consapevolezza è un problema molto comune in tutte quelle persone che hanno problemi di peso.

Chiedetevi quanto velocemente mangiate e soprattutto se, ogni qualvolta smettete di mangiare, vi sentite come se vi avessero tolto qualcosa. Avete vissuto l’esperienza di mangiare una notevole quantità di cibo e poi di pensare che fosse davvero poco e innanzitutto di avvertire ancora fame? Ciò succede quando non si presta sufficiente attenzione al cibo che si mangia.

 

Ci sono due grandi vantaggi nel mangiare sempre lentamente e nel prestare particolare attenzione a quello che si mangia. Il primo è che quando si assume cibo senza fretta, il cervello ha il tempo di registrare che siete sazi; il secondo è che quando fate attenzione e gustate ogni boccone, vi sentite più soddisfatti quando il cibo è finito. Le ricerche condotte presso la Louisiana State University a Baton Rouge (USA) dimostrano che c’è un lasso di tempo pari a 20 minuti tra il momento in cui lo stomaco si riempie e quello in cui il cervello riceve il messaggio che si è sazi. Dunque più lentamente mangiate, più tempo date all’avvertimento “Sono sazio” di raggiungere il cervello in modo che possa segnalarvi di smettere di mangiare. Ovviamente come in qualsiasi caso bisogna puntare moltissimo sulla propria forza di volontà, e quest’articolo vale per chi ha interesse a modificare le proprie abitudini alimentari e il proprio stile di vita, senza continuare a ragionare utilizzando i lobi cerebrali del piacere, continuando a commettere sempre gli stessi errori.

Se abitualmente mangiate velocemente, non sarà facile passare ad un ritmo più lento, inizialmente vi sembrerà anche innaturale. Esistono diverse strategie per ricordarvi di mettere giù le posate diverse volte durante il pasto e di aspettare dai 10 ai 30 secondi prima di riprenderle. Ad esempio potreste cambiare qualcosa sulla vostra tavola, porvi un oggetto che una volta visto, richiami all’ attenzione il ricordo di rallentare l’ ingestione di cibo. Cercate i segnali che indicano che state iniziando a sentirvi sazi. Diventare consapevoli di quello che avverte il corpo può ricordarvi di rallentare. Chi ha seriamente intenzione di cambiare questa brutta abitudine che, oltre a causare una cattiva digestione, porta anche ad ingoiare un notevole quantitativo di aria, può prestare attenzione all’orario di inizio e di fine pasto e annotarlo su di un post-it da appiccicare  al frigorifero. In questo modo di volta in volta si rallenterà sempre di più.

Ma attenzione alle distrazioni perché anche queste possono ridurre il grado di soddisfazione che traete dal cibo. Concentratevi sul pasto. Cercate di mangiare in un’atmosfera rilassata. Meno vi sentirete stressati e più facilmente sarete in grado di prestare attenzione a ciò che mangiate. In questo momento mi tornano in mente le lamentele di tutte le mamme che perdono di vista quello che mangiano proprio perché prestano attenzione ai loro bambini piccoli. Il miglior risultato è stato ottenuto da quelle persone che alternavano col coniuge o col partner la cura dei bambini, alzandosi a turno da tavola, guadagnandoci in consapevolezza e lentezza. Quando mangiate astenetevi dal leggere, dal guardare la tv o dall’utilizzare il pc. Mentre mangiate è meglio minimizzare le distrazioni, fatelo almeno per qualche pasto, così poi alla fine dovrete apprendere l’abilità di mangiare con consapevolezza anche in presenza di distrazioni.

Il pensiero sabotante che vi sta passando per la testa in questo momento lo conosco. E’ il seguente: “ Non ho proprio tempo per mangiare lentamente” . Rispondetevi così: “Devo riorganizzare i miei impegni per trovare il tempo. Se fosse necessario dedicare del tempo ad una procedura medica vitale tre volte al giorno, in qualche modo troverei il tempo. Non do a sufficienza priorità al cibo in modo appropriato e questo con il tempo potrebbe diventare un problema. Vengo io prima di tutto, perché se non sto bene io, non vedo come possa prendermi cura di chi mi sta accanto”.

Loredana Persano

Biologa Nutrizionista

Letto 12347 volte Ultima modifica il Giovedì, 24 Gennaio 2013 09:11

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Loredana Persano

Dott.ssa Loredana Persano

Biologa Nutrizionista.

Laureata in Scienze Biologiche presso l’Università del Salento, ha svolto attività di ricerca nel campo delle malattie cronico-degenerative (Alzheimer-Parkinson) e sull'attività antiossidante di diverse matrici vegetali.

Ha studiato Nutrizione  presso il centro Studi e Ricerche Neuropsicofisiologiche di Roma per l’età pediatrica e adulta. Si occupa di programmi di psicoeducazione alimentare per la prevenzione dei disturbi dell’alimentazione e l’obesità. Collabora con Psy:i ( Lecce) per la riabilitazione nutrizionale nei disturbi dell’alimentazione: anoressia, bulimia, disturbo dell’alimentazione incontrollata, obesità.

Per ricevere informazioni e concordare una consulenza telefonare al 347/5574601

 

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi181
Ieri868
Questa Sett.1824
Questo Mese8207
Totale1300673

Venerdì, 18 Agosto 2017 14:38

Chi è on line

Abbiamo 155 visitatori e un utente online

  • denicolletta