ALIMENTAZIONE E SALUTE
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Sabato, 28 Dicembre 2013 13:39

GENNAIO: è tempo di…LENTICCHIE!

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)


Le lenticchie non possono essere considerate frutta o ortaggi, ma fanno parte della famiglia delle Leguminose. Tuttavia ho deciso di dedicare ad esse il mio articolo di Gennaio per il significato che rivestono nella tradizione popolare, che le rende protagoniste del cenone di Capodanno: a causa della loro forma simile a delle monetine, le lenticchie rappresentano un simbolo di prosperità e buona fortuna.

Esse sono degli alimenti ricchi di fantastiche caratteristiche nutrizionali: in 325 Kcal su 100g di lenticchie secche troviamo il 25% di proteine, il 54% di carboidrati e soltanto il 2,5% di grassi; notevole anche il contenuto in fibre, vitamine e sali minerali (in particolare ferro e fosforo). Le proteine presenti nelle lenticchie permettono di utilizzare questi legumi anche in sostituzione ai prodotti di origine animale, ma bisogna ricordare che le proteine vegetali sono a basso valore biologico, in quanto mancano di alcuni amminoacidi essenziali; per sopperire a questo deficit andrebbero associate ai cereali (riso, pasta o pane). I grassi delle lenticchie sono grassi insaturi e insieme alle fibre hanno un’importante funzione ipocolesterolemizzante, che rende tali legumi degli ottimi alleati nella prevenzione dell’aterosclerosi. Tra le vitamine, le più importanti sono la Tiamina e la Niacina (o vitamina PP), che favoriscono rispettivamente la concentrazione e il metabolismo energetico. Alla vitamina PP va riconosciuta anche la funzione antiossidante, che nelle lenticchie è svolta pure da altre sostanze dette Isoflavoni. L’elevato contenuto in ferro, seppure esso non sia totalmente assimilabile dal nostro organismo, rende le lenticchie utili a chi soffre di anemia e affaticamento. Sono consigliabili inoltre alle donne in allattamento perché hanno potere galattogeno, favoriscono cioè la produzione del latte. Pur avendo proprietà straordinarie, va ricordato che le lenticchie sono controindicate a chi soffre di iperuricemia, calcoli renali, colite e aerofagia.

Tuttavia, per rispettare la tradizione, concediamoci tutti una porzione (anche molto piccola) di lenticchie la notte di San Silvestro…che porti a tutti un 2014 di prosperità e fortuna!

Auguri a tutti gli amici di Salic’è!!!

Letto 1737 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Marina Arnesano

Marina Arnesano: Laureata in Biologia agro-alimentare e della nutrizione presso l’Università del Salento, è iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi. Nel 2009 ha avviato la libera professione di Biologa Nutrizionista a Salice Salentino e si occupa dell'elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in condizioni fisiopatologiche accertate.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi185
Ieri330
Questa Sett.3714
Questo Mese14088
Totale1284986

Domenica, 23 Luglio 2017 16:35

Chi è on line

Abbiamo 275 visitatori e nessun utente online