ALIMENTAZIONE E SALUTE
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Mercoledì, 27 Novembre 2013 14:27

DICEMBRE: è tempo di…ARANCE!

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)

Con l’arrivo dell’inverno non possiamo far mancare nelle nostre dispense una buona scorta di arance. Famose, come tutti gli agrumi, perché ricche in vitamina C, esse contengono numerose altre sostanze che ne rinforzano le proprietà benefiche sulla salute. Dal punto di vista nutrizionale l’arancia è un frutto ipocalorico (fornisce soltanto 33 Kcal in 100g di prodotto), ricco in acqua (ne contiene circa il 90%) e in sali minerali, quali calcio, potassio e fosforo. La ricchezza più grande di questo prezioso frutto risiede indubbiamente nel suo corredo vitaminico: oltre alla presenza di vitamina C, l’arancia fornisce notevoli quantità di vitamina A e di vitamine del gruppo B (tiamina, riboflavina, niacina e acido folico). Altrettanto importante è la presenza di flavonoidi che contribuiscono, insieme alla vitamina C, a rafforzare il sistema immunitario, a stimolare i tessuti di sostegno dell’organismo (fra cui articolazioni, gengive e tessuto connettivo). Particolarmente interessante è l’azione della combinazione vitamina C + flavonoidi a livello dei vasi sanguigni, dove agiscono riducendo la fragilità capillare e migliorando il flusso venoso, prevendendo o attenuando gli inestetismi della cellulite. La vitamina C inoltre previene l’anemia in quanto favorisce l’assorbimento del ferro, utilizzato per la produzione dei globuli rossi.

Una spremuta d’arancia può rappresentare un ottimo spuntino nelle giornate di dicembre, soprattutto per chi soffre di fragilità vasale oppure durante le malattie da raffreddamento e gli stati febbrili. Nonostante le innumerevoli qualità positive dell’arancia, essa non può essere consumata indistintamente da tutti, ma è controindicata a chi soffre di ulcera gastrica, di gastrite ipercloridica o di reflusso gastroesofageo.

 

Letto 1762 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Marina Arnesano

Marina Arnesano: Laureata in Biologia agro-alimentare e della nutrizione presso l’Università del Salento, è iscritta all’Ordine Nazionale dei Biologi. Nel 2009 ha avviato la libera professione di Biologa Nutrizionista a Salice Salentino e si occupa dell'elaborazione di piani alimentari personalizzati per soggetti in condizioni fisiopatologiche accertate.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi355
Ieri386
Questa Sett.1931
Questo Mese13985
Totale1359438

Venerdì, 17 Novembre 2017 21:56

Chi è on line

Abbiamo 228 visitatori e nessun utente online