Attualità
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Redazione

Redazione

Tanta attesa e tanto entusiasmo per l'evento di inaugurazione che si terrà lunedì 20 Agosto p.v., ore 19:30, presso la Villa del Convento "Madonna della Visitazione" a Salice Salentino nella quale sarà presentata la nuova Area Gioco Inclusiva completamente riarredata.

L’Amministrazione Comunale ha provveduto alla sostituzione del pavimento in ciottoli dell’area gioco posta all’interno della villetta con un pavimento in gomma antitrauma.

I lavori relativi alla fornitura e posa in opera della pavimentazione antitrauma sono stati appaltati alla ditta EMMEPI s.r.l. con sede a Melpignano alla via G.Rossini n. 4 per l’importo complessivo di €. 21.960,00 giusta Determinazione del Responsabile del V Settore n. 122/356 del 15.06.2018, mentre le operazioni di smontaggio e rimontaggio delle attrezzature ludiche sono state appaltate alla ditta Dimo group s.r.l. con sede a Racale per l’importo di € 597,00 giusta Determinazione del Responsabile del V Settore n. 123/361 del 18.06.2018.

1L'area inoltre è stata dotata del"Villaggio Play Center", la giostrina, con torretta, scivolo e pedane per bambini disabili e normodotati, donata alla nostra comunità dall'Associazione SMILE.

La manifestazione di inaugurazione prevede: taglio del nastro; posa della targa a riconoscimento della giostra donata dall'Associazione; benedizione dell'intera area; baby dance, animazione e divertentismo con area gonfiabili per bambini.

Queste le parole dell' Assessore alle Politiche Sociali Paola Galizia:

"Siamo veramente soddisfatti del risultato raggiunto: consentire il gioco in sicurezza a tutti i bambini e permettere l’accesso all’area ludica da parte di bambini con disabilità. Quello di oggi è un chiaro esempio del giusto connubio tra buona amministrazione e solidarietà affinchè si rendano possibili quei diritti sociali quali la cura dell'arredo urbano, la salvaguardia degli spazi e l'inclusione sociale, basilari per una Comunità. Ringrazio per questo l’Associazione SMILE e faccio un appello ai genitori ma a tutti i cittadini perché in ognuno predomini il senso civico del rispetto della cosa pubblica."

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Presidente del GAL Terra d’Arneo, Cosimo Durante, sugli attacchi a Gallipoli ed al Salento:

Molti i servizi in uscita in questi giorni su testate locali e nazionali sulle sorti del turismo in Salento, di cui l’emblema resta Gallipoli. In attesa di conoscere i numeri ufficiali di fine stagione, e capire se il calo delle presenze turistiche sia reale o presunto, limitiamoci a considerare la situazione.

Assegnare a Gallipoli tutte le colpe di una generale contrazione dei flussi turistici in arrivo in Salento è quanto mento riduttivo, com’è altrettanto ingiusto assegnare alla Città Bella tutti i meriti del boom turistico degli anni scorsi.

È necessario, a mio avviso, ragionare in termini di sistema territoriale perché di fatto è così che hanno agito le politiche di promozione del territorio portate avanti sino ad oggi. Questo purtroppo non sta avvenendo. Lo stesso Sindaco di Gallipoli, al quale va tutta la mia personale solidarietà, con l’ultima conferenza stampa, nel suo strenuo, legittimo e utile tentativo di tutelare l'immagine della città, credo abbia perso l'occasione di far emergere la spinta propulsiva che l'intero Salento è capace di assicurare. Veicolare l’immagine di un Salento unito e coeso anche nell’affrontare questo momento delicato. E invece niente.

Un Sindaco lasciato solo a difendere una città è un'impresa vana. Sarebbe stato utile coinvolgere anche altri Sindaci, la Regione Puglia che tanto si sta adoperando per la promozione del nostro territorio, la Provincia di Lecce, le agenzie di sviluppo locale presenti su tutto il territorio, compresi i cinque  GAL salentini, per creare un “fronte compatto”  a difesa di un settore sotto accusa che non può riguardare solo ed esclusivamente la Città di Gallipoli ma l’intero territorio.

Gli anni del successo, di cui in tanti hanno beneficiato, sono figli di un lavoro lungo e costante, che ha lontane e radicate radici,  avviato nel lontano 1995 con l’allora coordinamento della Provincia di Lecce – Presidente Lorenzo Ria. Da lì è partita la programmazione, da lì progetti ed iniziative, marchi d'area (come per esempio il famoso “Salento d'amare”) e attività di cooperazione fra territori. Tutte cose che rischiano di non esserci più ma che basterebbe poco a riattivare, se ci fosse uno spirito di comunità diverso, se ci fosse la consapevolezza dell’utilità irrinunciabile di un clima più collaborativo tra Sindaci, tra amministratori ed imprenditori e se finalmente si riuscisse a ragionare in un’ottica di collaborazione unitaria e nella direzione di una sorta di “quadro di valorizzazione di insieme”, puntando a consolidare le RETI  quale veicolo strategico gestionale  migliorando ancor più la qualità  dei servizi e delle infrastrutture.

Ciascuno di noi  ha la sua parte di lavoro da fare  come  anche una buona fetta di responsabilità, sia quando registriamo stagioni sold out, sia quando facciamo la conta dei danni.

Dividere meriti e colpe è il minimo che si debba fare, ecco perché credo che la spontanea vocazione all'isolamento sia una forma di autolesionismo che non possiamo accettare.

Come non possiamo accettare supinamente gli attacchi diretti verso una Comunità importante e laboriosa come Gallipoli che sembra più essere l’inizio di una serie di attacchi concentri (speriamo non sia così) diretti a tutto il territorio salentino…. territorio che con grande impegno e lungimiranza ha saputo investire a favore di un segmento importate quale è quello del Turismo e che certamente con i risultati raggiunti porta ad  offuscare ed oscurare la legittima aspettativa di altri territori.

Il Salento dei tanti attrattori culturali, ambientali, enogastronomici, dei borghi antichi e marinari può continuare ad essere punto riferimento in un settore nevralgico e strategico in forte espansione e crescita quale è quello del Turismo solo  se continueremo a lavorare tutti insieme  e per un unico grande obbiettivo.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Premiati Marcello Masi, Rocco Tolfa e Riccardo Cotarella

Degustazioni, masterclass, spazio-enoteca, talk show,

spettacoli e il concerto finale di Teresa de Sio

 

Presentata questa mattina a Bari, nella sede dell’Assessorato Agricoltura della Regione Puglia, la decima edizione del “Premio Terre del Negroamaro”.

L’edizione 2018 si terrà il 17 agosto prossimo,con vigilia il 16 per gli addetti ai lavori, nella piazza di Guagnano (Le) e all’interno dei suoi antichi vicoli, con un nuovo format e un programma ricco di appuntamenti.

Il Premio, che si propone di dare risalto alle cantine del territorio che producono il Negroamaro, è organizzato da“Vinoway Italia”. Al suo presidente, Davide Gangi, è stato affidato il ruolo di direttore tecnico e coordinatore delle attività del Comitato tecnico-operativo del Progetto “Premio Terre del Negroamaro”, quest’anno diretto dall’avvocato Viviana D’Amico e della Pro Loco di Villa Baldassarri, coordinata da Antonio Caragiuli.

Valorizzare il vitigno storico dell’areale dove sorge Guagnano, dunque, e i produttori impegnati in un percorso virtuoso che ha saputo affermare il Negroamaro in tutto il mondo, l’obiettivo della manifestazione che quest’anno ha deciso di premiare personalità di prestigio del panorama enologico nazionale, come Riccardo Cotarella,presidente mondiale degli enologi e i giornalisti Marcello Masi e Rocco Tolfa, ideatori e conduttori del programma di Rai due “I signori del vino”.

“La Regione Puglia - hanno commentato l’assessore alle Risorse agroalimentari, Leonardo di Gioia, e il direttore del Dipartimento Agricoltura, Gianluca Nardone - sostiene eventi importanti di valorizzazione e promozione del patrimonio enogastronomico pugliese. L’appuntamento estivo di Guagnano celebra il Negroamaro, uno dei prodotti di punta della nostra enologia, oramai conosciuto e riconosciuto in Italia e all’estero. È un prodotto emblematico della nostra terra e, in particolare, del Salento, che oggi, grazie soprattutto agli sforzi dei produttori, ha raggiunto livelli eccellenti e una versatilità straordinaria.La Puglia investe nella promozione dell’agroalimentare, considerata strategia di crescita per una regione ricca come la nostra: l’evento Premio Terre del Negramaro, come tante altre importanti manifestazioni, consente di far conoscere il sistema produttivo locale, i suggestivi borghi rurali e cittadini, attraverso formule vincenti che attirano anche migliaia di turisti”.

“Ci sarà più spazio per il vino, in questa decima edizione -  ha aggiunto Davide Gangi–ma anche alla gastronomia locale, dedicando alla ristorazione e alle aziende olearie un’importanza che darà loro più visibilità e autonomia di azione. Ho pensato altresì di dare spazio agli appassionati e agli addetti ai lavori ideando delle aree esclusive a loro destinate, senza assolutamente trascurare anche chi per la prima volta si affaccia a questo ambiente e voglia trascorrere una bella serata agostana nella nostra meravigliosa terra”.

 

Il programma

16 agosto, la vigilia: riservata solo agli addetti ai lavori. È prevista una Masterclass dedicata ai vini rosati Negroamaro, con la "Master of Wine" ElizabethGabay, tra le più accreditate giornaliste del settore, Davide Gangi e Giuseppe Baldassarre Consigliere Nazionale AIS, che si svolgerà presso la piazza principale del comune di Guagnano, a partire dalle ore 20:00. Parteciperanno giornalisti nazionali ed internazionali, wine-lover, ristoratori e addetti del settore alla presenza dei produttori..

Il 17 agosto,con l’allestimento dei banchetti di tutte le aziende in Via Castello e le strade animate da fuochi di spettacolo, giocolieri, trampolieri e artisti musicali, prevede diversi momenti:

                                                                                                        

- Masterclass con Pino De Luca e Duccio Armenio, nel Museo del Negroamaro di Guagnano, dalle ore 20:00 alle ore 24:00; aperta al pubblico, con le referenze delle aziende che si susseguiranno ad intervalli di 40 minuti.

- Uno spazio-enotecaallestito nella piazza principale di Guagnano con i vini top di gamma, aperto al pubblico, gestito dai sommelier AIS Lecce, a cui sarà affidata anche l'area circoscritta del Comune di Guagnano contraddistinta da tre diverse colorazioni in base alla tipologia di vino: Bianco, Rosso e Rosato.

- A partire dalle ore 21 sul palco allestito per l’occasione, con la presentazione di Barbara Politi, si esibirà la “Martina Malagnino Band”, a seguire il talk show e la premiazione condotto da Davide Gangi ed il concerto di Teresa De Sio.

Durante la manifestazione verrà inoltre ricordataDonatella Briosi, apprezzata sommelier, socia de “Le Donne del Vino Friuli Venezia Giulia”, tragicamente scomparsa lo scorso giugno, a cui la delegata de “Le Donne del Vino Puglia” Marianna Cardone, insieme a Davide Gangi e all’associazione contro la violenza sulle donne “Io donna”, rivolgerà un affettuoso saluto.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Cambio della guardia al Comando del 61° Stormo. Si è svolta venerdì 3 agosto, all’interno di uno degli hangar dell’aeroporto militare “Fortunato Cesari” di Galatina, alla presenza di autorità civili e militari e di tutto il personale della base schierato per l’occasione, la cerimonia di passaggio di consegne tra il comandante uscente, il colonnello Luigi Casali, e il parigrado Alberto Surace. La cerimonia è stata presieduta dal generale di squadra aerea Umberto Baldi, Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare/3ª Regione Aerea di Bari.

     Il colonnello pilota Luigi Casali ha assunto il comando dell’aeroporto salentino l’8 luglio 2016. Lascia l’incarico dopo due anni di intenso lavoro durante i quali  il 61° Stormo è stato sempre più impegnato in un complesso processo di crescita e di ammodernamento, anche in chiave internazionale. Per il col. Casali, “è stato un periodo laborioso, durante il quale si è data concretezza a due aspetti fondamentali: da un lato, la valorizzazione degli investimenti fatti con l’obiettivo di trasformare in un’ottica di costo efficacia i percorsi addestrativi; dall’altro, la declinazione a livello locale della vision del signor Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica: un’aeronautica sempre più coesa ed utile al Paese”. Ha poi continuato ringraziando gli uomini e le donne del 61° Stormo  “per quello che mi avete dato, non vi dimenticherò mai, vi porterò nel mio cuore come un ricordo a me caro ed indelebile”.

 Il colonnello pilota Aberto Surace, che assume il comando della base aerea salentina, è nato a Genova nel 1971. Sposato, con due figli, è laureato in Scienze Aeronautiche ed è in possesso di un “Master of Business Administration”. “L’assunzione del comando di questo prestigioso reparto, è il coronamento di un sogno e l’opportunità di continuare uno strepitoso percorso di crescita umana e professionale che ha contraddistinto tutta la mia carriera di ufficiale pilota”, ha detto il nuovo comandante dell’aeroporto di Galatina nel suo discorso di presentazione, “questa scuola di volo svolge un insostituibile ruolo nel processo di formazione dei piloti dell’aeronautica militare; essa rappresenta un patrimonio inestimabile per il Paese, costituito, oltre che da mezzi, beni materiali, sistemi e infrastrutture, soprattutto da capacità umane e professionali, da valori solidi, e da tradizioni uniche e consolidate”.

Il gen. Baldi, durante il suo intervento, ha voluto sottolineare il ruolo di primo piano che lo Stormo di Galatina ha assunto nella formazione dei piloti militari, “divenendo un punto di riferimento nell’addestramento al volo in campo internazionale”.

     Il 61° Stormo, dipendente dal Comando Scuole A.M./3ª Regione Aerea, ha il compito di provvedere all’addestramento al volo su aviogetti:

  • di fase II - comune a tutti gli allievi piloti militari, è finalizzata alla individuazione delle linee su cui saranno impiegati (fighters, pilotaggio remoto RPA, elicotteri, trasporto);
  • di fase III - rivolta esclusivamente agli allievi piloti selezionati per le linee “Fighter” e “RPA”, si conclude con il conseguimento del Brevetto di Pilota Militare;
  • di fase IV - propedeutica al successivo impiego sui velivoli Fighters (il corso è denominato Lead In to Fighter Training – LIFT);
  • dei piloti militari da qualificare Istruttori di Volo sui jet (Pilot Instructor Training- PIT).

L’attività formativa del 61° Stormo è indirizzata agli allievi piloti dell’Aeronautica Militare italiana, delle altre Forze Armate e dei Paesi alleati/partner (in tutte le fasi di volo secondo le richieste di ciascun Paese).

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

“Quella volta che ho imparato a nuotare”: il 6 agosto a Guagnano si presenta il romanzo di Davide Simeone. 

Nuovo appuntamento letterario a Guagnano. Si terrà lunedì 6 agosto alle 20:30 in Largo Ceino (nei pressi della chiesa madre) la presentazione del romanzo “Quella volta che ho imparato a nuotare” di Davide Simeone (Manni Editore). L’appuntamento, curato dalla Pro Loco del posto, rientra nella rassegna “Estate 2018”, il cartellone di eventi organizzati da Pro Loco di Guagnano e Pro Loco di Villa Baldassarri, con il patrocinio del Comune e la collaborazione di Amici della Casa della Bontà. Dopo i saluti del presidente della Pro Loco Antonio Congedo, dialogherà con l’autore Valentina Perrone, giornalista e scrittrice. Ingresso libero. 

Il libro. Stefano scrive libri per bambini. Mollando, seppur per pochi giorni, una vita convulsa e confusa, si ritrova in una piccola comunità del Salento, all'inizio con diffidenza e poi, pian piano, abbandonando ansie e timori. Incontra Chicca, amica d'infanzia, con la figlia Camilla, e poi conosce Al e Giuliana, e un prete e una suora e il loro gruppo di volontari, il tenero Matteo e la saggia incantevole Alice. E tutti gli insegnano a guardarsi di nuovo attorno, e dentro, e gli insegnano di nuovo a nuotare. 

L’autore. Davide Simeone (1984) scrive e fa l’avvocato, vive e lavora a Lecce. Ha pubblicato il suo primo romanzo “Come dico io” nel 2003, a soli 19 anni,  presentato l’anno successivo alla 5ᵃ biennale del premio “La Lama”. Nel 2005 si ripresenta con la sua seconda esperienza narrativa, “Quattro”, con la quale ottiene il premio “Ignazio Ciaia – Nunzio Schena”. Nel 2008 pubblica il romanzo “L’alba di domani” e nel 2013 vince il premio “Asterisco” con il suo nuovo lavoro,  l’antologia di racconti dal titolo “Rewind”. Nel 2014 ha pubblicato il racconto breve “Caterina va a Martina” per il blog letterario “Inchiostro di Puglia”.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Sabato 14 luglio e domenica 15 luglio nel centro storico di Campi Salentina

Aria di festa nel centro storico di Campi Salentina, pronta a dare il via alla due giorni di celebrazioni ed eventi in onore di S. Pompilio M. Pirrotti, amato patrono della città.

A scandire i festeggiamenti civili la prima edizione di “creArt: autoproduzioni d’estate” un evento per la promozione dell’artigianato artistico e tradizionale che si svolgerà tra Casa Prato Calabrese e Piazza Unità d’Italia. Organizzato da Associazione Pro Loco Campi Salentina in collaborazione con Ente Fiera e GAL Terra d’Arneo, con il patrocinio del Comune, l’evento sarà un connubio di arte, design e tradizione, in numerose sfumature.

Un’arte sensibile ai temi del riciclo, dell’ambiente, dell’ecocompatibiltà e del riuso artistico sarà oggetto del laboratorio nomade a cura di sm-artlab, ovvero un incubatore di collaborazioni, idee, contaminazioni che coinvolgono designer, artigiani, illustratori, grafici, artisti pugliesi che fa della coralità il suo punto di forza.

Si passa poi alla conoscenza del nostro territorio, la Terra d’Arneo, della bellezza dei suoi paesaggi costieri, subcostieri, rurali ed urbani dal fascino senza tempo, raccontati in una mostra tematica a cura del GAL Terra d’Arneo, dal titolo: “Paesaggi tra natura e memoria”.

Non mancheranno l’allegria e la convivialità dei giorni di festa con musica e buon cibo preparato con cura negli stand del centro storico.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Autori in corsa per la premiazione finale. Pubblicati i nomi dei finalisti della prima edizione del Concorso Letterario e Fotografico Nazionale “La vita contadina: ieri e oggi“, ideato e promosso dalla Pro Loco Guagnano '93 con il fine di valorizzare il mondo rurale di un tempo e dei nostri giorni.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Col. Alessandro Pellegrini subentra al Colonnello Antonio Camillo Cossu nell’incarico di Direttore del 10° RMV 

 

Foto Col. Pellegrini nuovo DirettoreGiovedì 12 luglio 2018, all’interno di uno degli hangar dell’Aeroporto “F. Cesari” di Galatina, si è svolta la cerimonia di cambio al vertice del 10° Reparto Manutenzione Velivoli di Lecce. L’evento, presieduto dal Brigadier Generale Maurizio Astolfi, Comandante della 2^ Divisione del Comando Logistico, ha sancito il passaggio di consegne tra il Direttore uscente, il Colonnello Antonio Camillo Cossu, e il Colonnello Alessandro Pellegrini, Direttore subentrante.

 

Il Colonnello Pellegrini proviene dal Corso “Falco IV” dell’Accademia Aeronautica, è laureato in Ingegneria Elettronica, ha prestato servizio presso il Reparto Sperimentale di Volo a Pratica di Mare, presso il 4° Reparto dello Stato Maggiore Aeronautica e, successivamente, presso la 2^ Divisione del Comando Logistico.

 

Durante il Suo discorso il Colonnello Cossu ha ringraziato le donne e gli uomini del Reparto, ogni singola articolazione del Reparto per il lavoro svolto e i propri cari aggiungendo che “… i valori che portate sono l’espressione del tessuto sano di un Paese che trova nella famiglia articolazione imprescindibile”.

 

Ha infine sottolineato l’importanza del lavoro di squadra per conseguire gli obiettivi assegnati, esprimendo la propria gratitudine al Comandante del 61° Stormo, Colonnello pilota Luigi Casali, per “…il supporto fornito al Reparto e la solida collaborazione”.

 

Il Colonnello Pellegrini, a sua volta, ha ringraziato il Comandante della 2^ Divisione del Comando Logistico per la fiducia riposta in lui garantendo piena dedizione ed incondizionato impegno. Rivolgendosi poi al Comandante del 61° Stormo ha sottolineato che “…il 10° RMV sarà al fianco del 61° Stormo per raggiungere i comuni obiettivi.”

 

Si è poi rivolto al personale del Reparto che rappresenta “…la risorsa più pregiata di cui potrò disporre durante il mio Comando, voi siete la vera risorsa distintiva che rende realizzabili tutti gli obiettivi che ci verranno assegnati, anche quelli più ambiziosi.”

 

Il Generale Astolfi, durante il suo indirizzo di saluto, ha ringraziato e dato atto al Colonnello Cossu “… dei notevoli risultati conseguiti nel complesso delle attività svolte dal 10° R.M.V.” che, nonostante le difficoltà presenti in alcuni settori industriali, “ ha minimizzato gli impatti sulla disponibilità dei velivoli e quindi sulla operatività della scuola di volo, della pattuglia acrobatica nazionale e degli altri utilizzatori”. Rivolgendosi al Colonnello Pellegrini, ha augurato un ottimo periodo di Comando assicurando “…ogni supporto e collaborazione da parte della 2^ Divisione e mia personale”.

 

Il 10° Reparto Manutenzione Velivoli di Lecce provvede alla manutenzione dei velivoli MB339 e T-346 in dotazione all’Aeronautica Militare italiana e al supporto tecnico-logistico delle barriere d’arresto operanti sul territorio nazionale ed all’estero.

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Domenica, 10 Giugno 2018 08:16

Avvocato D'Agostino: PERCHE’ IL RITORNO

La Redazione di Salic’è, che ringrazio sempre per l’attenzione che mi riserva quando decido di pensare ad alta voce, mi chiedeva un breve pensiero relativo al perché del mio rientro in politica.

Semplice: passione.

In verità non solo quella e provo a spiegarmi. Penso che nell’attuale panorama politico di Salice ci sia bisogno di quante più possibili energie disponibili, siano esse rappresentate da vecchie cariatidi come me o da nuove personalità e gruppi di lavoro e partiti politici ma, in ogni caso, tutti disposti a fare solo e soltanto il bene del paese.

Aver fatto politica per tanti anni non vuol dire essere logoro se poi ci sono tanti nuovi giovani che hanno bisogno della esperienza dei più maturi così come chi è più maturo ha spesso bisogno delle idee nuove e brillanti di giovani capaci. Il mix è certamente positivo ed una cosa non esclude l’altra. In ogni caso, un principio credo che valga per tutti i politici o aspiranti tali: non si finisce mai di imparare e chi sentenzia dall’alto della sua pseudo unica ed onnisciente capacità di fare politica a discapito di chi è ritenuto meno capace, non ha capito nulla e poi gli effetti si vedono.

Io, per quello che mi riguarda, riprenderò a breve la mia attività politica con accanto gli amici di sempre e loro con me accanto come sempre, qualcuno sarà più evidente di altri in pubblico e qualcun altro meno ma il gruppo sarà quello di una volta. Proprio così, cari amici e Concittadini, perché non posso dimenticare di avere fatto politica attiva ad ogni livello per tanti anni, con accanto amici veri ma anche qualcuno no, in ogni caso il tutto è parte del gioco e basta sapersi difendere.

Sono anche consapevole che questo mio nuovo impegno sarà avversato qualche volta alla luce del sole e qualche volta con manovre subdole e anonime ma oggi rispetto a ieri sono un po’ più smaliziato e forse anche un po’ più pronto a non farmi trafiggere, rispondendo colpo su colpo a chi lo meriterà.

Alle ultime competizioni amministrative ho appoggiato la lista della attuale Maggioranza perché vi era una sostanziale condivisione di programmi ma, poi, certamente, dai programmi si deve passare ai fatti e la valutazione che giorno per giorno darò degli Amministratori in carica sarà scevra da orientamenti politici di sorta e sarà relativa solo al loro operato ed alle condizioni di Salice, senza favoritismi e senza posizioni preconcette. Mi sforzerò di essere un punto politico di mediazione e mai di rottura per organizzare politicamente sempre la migliore soluzione che riterrò tale per il paese alla luce del quadro generale del momento.

Relativamente agli ultimi fatti politico - amministrativi, mi astengo volontariamente dal commentarli perché non è questa la sede ed il momento opportuno ma li ho già valutati serenamente. Per il resto, ancora non svelo il simbolo politico con il quale tornerò a fare politica attiva ma sarà in linea con la moderazione, con la libertà di pensiero e con il liberismo che mi sono sempre appartenuti o forse deciderò di non avere simboli politici in testa, chissà.

In ogni caso la scelta non cadrà su UDC che ringrazio per la militanza concessami ma che ritengo un partito oramai superato nello scenario politico nazionale.

L’importante è amare ciò che si fa per gli altri e non pentirsene mai anche quando si sbaglia in buona fede e si sa di aver fatto sempre il possibile.

Oronzo D’Agostino

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

GUBBIO, 4 giugno 2018 - Colacem S.p.A. ha acquisito il 1°giugno 2018 l’intero capitale sociale della Maddaloni Cementi S.r.l., proprietaria dello stabilimento per la produzione di cemento di Maddaloni (CE), da Cementir Italia S.p.A. controllata da Italcementi S.p.A. del Gruppo HeidelbergCement.

Tale operazione, portata a termine con successo dagli Amministratori del C.d.A. di Colacem, consente una crescita della quota di mercato nazionale della stessa Colacem.

“Questo passo – affermano gli Amministratori – dimostra la nostra fiducia nelle potenzialità del Paese e nel ruolo che avrà il cemento, prodotto indispensabile oggi e in futuro per lo sviluppo economico e sociale”.

Il nuovo assetto permette di ottimizzare le sinergie produttive e di avere una migliore razionalizzazione dei prodotti Colacem sul mercato.

“Ci aspettiamo ora risultati interessanti – continuano gli Amministratori – che consentiranno di guardare con maggiore ottimismo ai prossimi traguardi, puntando su incrementi della redditività aziendale, condizionata negativamente negli anni passati dalla crisi del settore delle costruzioni”.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Pagina 1 di 153

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi11
Ieri404
Questa Sett.1114
Questo Mese4051
Totale1466394

Sabato, 18 Agosto 2018 00:25

Chi è on line

Abbiamo 137 visitatori e nessun utente online