Ambiente
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 19 Aprile 2013 13:51

Porto Cesareo, il Riesame dice “No” al dissequestro di ‘Bahia del Sol’

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

 

 

(19 aprile 2013) PORTO CESAREO (LE) – Il Tribunale del Riesame dice ‘no’ al dissequestro del ‘Bahia del Sol’ , il lido balneare sul tratto di spiaggia tra Porto Cesareo e Torre Lapillo a cui i Carabinieri di Campi Salentina avevano messo i sigilli lo scorso 28 marzo, sulla scorta di un provvedimento a firma del magistrato Antonio Negro, contestando presunte irregolarità e abusi.  

Nel mirino degli investigatori finirono la realizzazione di piscine-vasche idromassaggio, un chioschetto, la chiusura di un accesso al demanio, un’occupazione dell’area demaniale maggiore rispetto all’autorizzazione concessa. 

I proprietari del lido presentarono, appena 48 ore dopo,  una documentazione al magistrato, dimostrando come un’ala del locale non fosse stata modificata di recente, bensì più di quattro anni addietro. Da qui il dissequestro di una parte del lido: i parcheggi , il corridoio di accesso e la pista da ballo. Quindi non i servizi igienici adiacenti, non le nicchie che contengono, ad esempio, gli estintori. 

Purtroppo però, nelle ultime ore, il Tribunale del Riesame, a cui sono ricorsi gli stessi titolari, ha rigettato la richiesta di revoca del provvedimento, avanzata dall’avvocato Giuseppe Romano a nome dei proprietari:

 

“Le motivazioni del Riesame si fondano su un punto in particolare: quelle che sarebbero dovute essere strutture mobili, in realtà sono amovibili.

 In questo caso il titolare avrebbe dovuto essere in possesso di una serie di permessi a costruire che non ci sono. E come risulta dal sopralluogo e dai rilievi fotografici, nel lido non ci sono opere precarie, ma destinate ad esigenze perpetue e non di facile rimozione e per realizzarle si sarebbero compiuti evidenti abusi ambientali, come lo sbancamento delle dune che ha di fatto modificato lo stato dei luoghi sottoposti a vincolo paesaggistico senza alcuna autorizzazione”.

 

fonte: 

Letto 844 volte Ultima modifica il Venerdì, 19 Aprile 2013 14:28

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi202
Ieri661
Questa Sett.1127
Questo Mese15839
Totale1361292

Mercoledì, 22 Novembre 2017 10:14

Chi è on line

Abbiamo 203 visitatori e nessun utente online