Ambiente
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 03 Febbraio 2017 13:20

PROGETTO GENEO, AMBIENTE E SALUTE: DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA.

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Giovedì 2 febbraio, presso il centro parrocchiale “Don Mario Melendugno”, a Salice Salentino, si è tenuto un meeting, che trattava come argomento della serata il progetto “GENEO”. Il Geneo è un importante progetto di ricerca scientifica presentato dalla LILT di Lecce,denominato Sistemi di valutazione di diagnosi precoce delle correlazioni tra GEnotossicità dei suoli e NEOplasie in aree a rischio per la salute umana. Per relazionare di questo progetto era presente il dott. Giuseppe Serravezza, oncologo e presidente della LILT di Lecce e il dott. Giovanni De Filippis, direttore del dipartimento dell'Asl di Lecce. Con questo progetto ha affermato il dott. Serravezza si intende accertare un eventuale nesso significativo tra fattori di rischio presenti in loco e sviluppo abnorme di patologie oncologiche nella popolazione. Infatti seppur il Salento non è stato un luogo altamente industrializzato nel corso della storia, a pochi passi erano presenti delle realtà abbastanza dannose, come l'ILVA a Taranto e Cerano a Brindisi, sia per l'ambiente che per l'uomo e quelle microparticelle che uscivano dalle maestose canne fumarie andavano a contaminare non solo l'aria ma anche il suolo. Per confermare ciò, è stato dimostrato che in dei campioni di suolo analizzati al giorno d'oggi sono presenti elementi chimici che risalgono a decine e decine di anni fa. La colpa della contaminazione del suolo afferma il dott. De Filippis che non è da attribuire esclusivamente a questi colossi economici e industriali ma anche alle piccole industrie presenti nel nostro territorio, che sono dei “cerini fastidiosi” a causa dello scarso controllo per lo smaltimento dei rifiuti, per poi non parlare dei fenomeni criminali di sversamento di materiale tossico nei terreni abbandonati o in discariche abusive. Con il progetto Geneo si vuole far sapere che ambiente e salute sono due facce della stessa medaglia. A questo progetto che ora si torva in una fase di start-up parteciperanno 32 comuni della provincia di Lecce, scelti dalla LILT in seguito a degli studi, interessati da alto, intermedio e basso rischio di neoplasie. Successivamente vi potranno accedere le altre amministrazioni con un contributo di 1500,00 euro, proposta che è stata fatta anche al comune di Salice Salentino, da parte di altri movimenti politici.

Letto 218 volte Ultima modifica il Venerdì, 03 Febbraio 2017 13:27

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi24
Ieri268
Questa Sett.2399
Questo Mese8782
Totale1301248

Domenica, 20 Agosto 2017 02:23

Chi è on line

Abbiamo 898 visitatori e nessun utente online