Ambiente
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Venerdì, 30 Maggio 2014 15:28

Rifiuti, riapre l’Ecopiazzola Comunale

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

SALICE SALENTINO | Dopo ben quattro anni di chiusura, l’Ecopiazzola Comunale tornerà ad essere funzionale.

Da quanto si evince (Ordinanza Sindacale n. 12 del 21/05/2014), l’ecopiazzola comunale sarà riaperta a partire dal 3 giugno prossimo. La cittadinanza potrà recarvisi nei giorni di martedì e di venerdì dalle ore 12,00 alle ore 13,00. Avrà quindi a disposizione un totale di due ore a settimana per conferire modeste quantità di rifiuti inerti CER 170107. Questa tipologia di rifiuto ingombrante comprende gli scarti delle piccole demolizioni, gli sfridi di materiale da costruzione e le piastrelle che non dovranno superare la quantità di 1,00 mc e dovranno provenire esclusivamente da utenze domestiche. Per le altre tipologie di rifiuti ingombranti è sempre a disposizione il numero verde 800801020 della ditta Monteco.

Il servizio di piantonamento e controllo del conferimento dei citati rifiuti è stato invece affidato all’Istituto Provinciale di Vigilanza VELIALPOL di Veglie.

Quella dell’ecopiazzola è stata da sempre una storia travagliata. Fortemente voluta nel 2005 dall’allora Assessore all’Ambiente dott.ssa Antonella Persano e dall’amministrazione Gravili, l’ecopiazzola salicese risultava essere tra le prime isole ecologiche della Puglia. Essa garantiva il conferimento gratuito dei rifiuti inerti e ingombranti, un servizio che è stato poi adottato anche da molti altri comuni della provincia (alcuni dei quali hanno esteso il conferimento anche alla frazione umida). Nel 2010, la successiva amministrazione De Mitri, con l’allora Assessore all’Ambiente Giuseppe Tondo, stabilì la chiusura temporanea di suddetta isola ecologica. Una chiusura, appunto, temporanea che doveva durare 60 giorni e che fu prorogata di altri 60. Tra le motivazioni, vi era l’urgenza di separare e di smaltire l’insostenibile quantità di rifiuti depositati al suo interno (nonché quelli depositati abusivamente anche all’esterno), la necessità di adeguare la recinzione e di ripristinare l’impianto di videosorveglianza ormai fuori uso.

Un provvedimento che ha poi determinato la sua chiusura fino ai giorni nostri. Cioè fino all’arrivo dell’ecotassa regionale, che sta “costringendo” i cittadini ad essere più sensibili e gli amministratori ad essere più attenti verso un settore spesso trascurato.

Letto 996 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Daniele Perrone

Collaboratore Salic'é. Appassionato di urbanistica, di
politica, di ecologia e di tutte quelle pratiche virtuose che valorizzano
l'efficienza e la tradizione di un territorio.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi791
Ieri1268
Questa Sett.6695
Questo Mese13250
Totale1339937

Venerdì, 20 Ottobre 2017 14:34

Chi è on line

Abbiamo 212 visitatori e nessun utente online