Ambiente
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

L'Associazione Culturale Salic'è 

mette a disposizione la propria SEDE 

per la realizzazione di manifestazioni culturali e convegni 

 

per info: 3292792189

 

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Domenica, 02 Giugno 2013 19:31

PORTO CESAREO E TUTELA DELLE ACQUE, EFFETTI SULLA SALUTE E SULL’AMBIENTE

Scritto da 
Vota questo articolo
(8 Voti)


 

Resta ancora molto aperta la questione sullo scarico dei reflui di Porto Cesareo. Era il lontano 1984 quando si cominciava a pensare alla realizzazione di una rete fognante ma, purtroppo, a causa di carenze economiche e di inadempienze politico-burocratiche, si assiste tuttora ad un nulla di fatto. Eppure sembra quasi elementare, direi scontato, dover usufruire di un servizio urbano così importante, specie in una località come quella di Porto Cesareo, che vanta un’Area Marina Protetta e un notevole flusso turistico estivo.

Il depuratore è stato realizzato tempo fa ma è stato dimensionato per trattare le 4.000 utenze dei soli residenti, senza tener conto dell’aumento di popolazione che in estate raggiunge le 100.000 utenze.

Ad infuocare ancor di più la già delicata questione, sono state le scelte politiche (locali e regionali) che hanno portato ad indirizzare lo scarico sulle coste di Nardò, ad 1 km dall’AMP di Porto Cesareo e a ridosso della riserva protetta di Porto Selvaggio.

Su tale tematica si è dedicato il circolo Legambiente di Porto Cesareo, che venerdì 31 maggio ha organizzato una petizione popolare e un convegno dal titolo: “FOGNA IN MARE…QUANDO? EFFETTI SULLA SALUTE E SULL’AMBIENTE”.

All’incontro hanno partecipato l’avv. Luigi Massimiliano Aquaro (presidente del circolo locale), il sindaco di Porto Cesareo Salvatore Albano, il dott. Gianni Fiore (oncologo presso il Vito Fazzi di Lecce, che da sempre si occupa della cancerogenità ambientale e delle emissioni che lo stabilimento Ilva provoca alla nostra salute), il presidente regionale di Legambiente Maurizio Manna e il moderatore della serata, l’avv. Marco Greco.

Nel corso della serata non sono mancate le polemiche e le critiche sulle decisioni amministrative (passate e presenti) e sulla latitanza della regione, specie ora che, da quando Fabiano Amati non è più assessore al ramo, non si capisce chi si stia occupando della questione.

Molti riferimenti sono stati fatti alla necessità di sfruttare i fondi FAS entro dicembre e all’importanza del Piano Urbanistico Generale, adottato con lo scopo di promuovere uno “sviluppo sostenibile”.

Particolarmente interessante è stata l’analisi “didattica” del dott. Gianni Fiore, il quale ha illustrato come la mancanza di una rete fognante possa incidere anche sulla nostra salute. Infatti le fosse biologiche permeabili, che scaricano direttamente in falda, non solo inquinano l’unica fonte di acqua dolce che

abbiamo, ma vanno ad impattare anche sull’agricoltura, sull’ecosistema e sulla nostra salute. La falda, infatti, essendo un “fiume sotterraneo”, sfocia direttamente in mare mentre la spiaggia funge da filtro, catturando e intrappolando i liquami e i solventi chimici (detersivi, vernici, tinture per capelli, etc.) che agevolano la proliferazione dei batteri. Il dott. Fiore conclude, quindi, affermando che molte patologie da sensibilità chimica che noi avvertiamo (dermatiti, gastroenteriti, ecc) spesso non sono un caso.

Di un’altra piega, ma altrettanto importante, è stata l’analisi del Presidente di Legambiente Puglia, Maurizio Manna, il quale ha spiegato in maniera tecnica come lo scarico in mare di una eventuale realizzazione dell’opera possa arrecare danni all’ecosistema. “La variazione della salinità e della temperatura dell’acqua di scarico impatta sugli equilibri ecosistemici e, per un’area marina protetta, - aggiunge – questo è un crimine ambientale”.

L’altro aspetto è proprio l’acqua depurata, che viene ancora considerata come un rifiuto e non come una risorsa. Una soluzione alternativa che propone Manna è quella della fitodepurazione, già adottata dal comune di Melendugno. La fitodepurazione prevede che lo scarico venga effettuato in siti strategici dell’entroterra, come cave dismesse, che convogliano l’acqua sterilizzata e la smaltiscono attraverso la falda e attraverso le piante, le quali aumentano la propria biomassa e aspirano acqua, dando vita ad un habitat artificiale. Questa soluzione offre notevoli vantaggi per gli scopi agricoli e si contrappone al rischio idrico che incombe sulla nostra terra.

Le conclusioni di Manna si orientano con il ringraziamento verso il Comitato NO TUB di Nardò, anch’esso orientato verso questa soluzione.

Come salicesi, forse, dovremmo mostrare un po’ di attenzione verso le questioni che riguardano la nostra costa, soprattutto perché ci riguardano da vicino. E’ scontato dire che la maggior parte di noi trascorre le vacanze o possiede un’abitazione a Torre Lapillo, ma anche la tutela del nostro mare, della costa e del paesaggio dell’Arneo sono altrettanto importanti, così come lo è la gestione dell’acqua che, non dimentichiamolo, è la nostra risorsa di vita e deve essere valorizzata al meglio per il nostro bene e per l’ambiente che ci circonda.

Letto 142317 volte

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Daniele Perrone

Collaboratore Salic'é. Appassionato di urbanistica, di
politica, di ecologia e di tutte quelle pratiche virtuose che valorizzano
l'efficienza e la tradizione di un territorio.

Devi effettuare il login per inviare commenti

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi4
Ieri1522
Questa Sett.1526
Questo Mese35388
Totale875697

Martedì, 31 Maggio 2016 00:03

Chi è on line

Abbiamo 419 visitatori e nessun utente online