Attualità
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Attualità

Attualità (1114)

Salice, sali-ce, salic'è, salicè, salicé, salice salentino, salento, informazioni, lecce, portale, associazione, cultura, sport, attualità, fotografia, ricette, ricette del giorno, ricette antiche, sport, calcio, bocce, torneo, acsi, campionato,

Giovedì, 24 Maggio 2018 20:34

ESERCITAZIONE “CORVUS CORAX”

Scritto da

CONCLUSA LA PRIMA FASE

DELL’ESERCITAZIONE “CORVUS CORAX”

Aeronautica Militare e Guardia di Finanza insieme in Puglia per migliorare l’integrazione nella lotta a minacce asimmetriche e ad attività criminali

​​​​Un ultraleggero trasporta clandestinamente materiale illecito attraversa lo spazio aereo italiano. Il sistema di difesa aerea dell’Aeronautica Militare (AM) si allerta su segnalazione della Guardia di Finanza (GdF). Il velivolo viene intercettato e monitorato a distanza, in modalità “shadow”, da diversi assetti aerei dell’A.M.; quindi è passato in consegna alle unità aeree del Corpo della GdF che lo controllano fino all’atterraggio sull’aviosuperficie di Lecce - Fondone. Qui, ad aspettare il velivolo clandestino, ci sono le pattuglie automontate del Comando Provinciale per le previste attività di polizia giudiziaria.

In realtà si tratta di una simulazione e l’ultraleggero è un velivolo S-208 del 60° Stormo di Guidonia. L’attività, pianificata con cura nell’ambito dell’esercitazione denominata “Corvus Corax”, Corvo Imperiale, si è svolta nella mattinata di giovedì 24 maggio e avrà un seguito il prossimo 28 maggio. Questa volta però sarà impegnato un gommone della Guardia di Finanza che simulerà un natante veloce adibito al trasporto illegale di armi o sostanze stupefacenti che penetra le acque territoriali italiane fino all’approdo sul litorale pugliese.

L’esercitazione mira a ottimizzare l’integrazione tra le Istituzioni dello Stato e a dimostrare come l’utilizzo sinergico di diverse componenti militari e Corpi armati dello Stato consenta di ampliare le possibilità di impiego del dispositivo di Difesa Aerea a supporto delle operazioni delle Forze dell’Ordine, a tutela della comunità e della legalità.

Più in particolare la Corvus Corax, che è alla sua seconda edizione, nasce dall’esigenza, maturata negli ultimi anni, di fronteggiare minacce di natura asimmetrica, rappresentate anche da vettori dall’impiego non strettamente militare, quali ad esempio velivoli dalle basse prestazioni, bassa velocità e volo condotto a bassa e bassissima quota. Con l’edizione di quest’anno, è stato introdotto quale obiettivo dell’intercettazione anche un natante, allo scopo di estendere e ottimizzare la capacità di intervento contro un’altra tipologia di mezzo di trasporto, usato spesso per attività criminali.

Nell’odierna esercitazione l’Aeronautica Militare ha impiegato, oltre agli Enti adibiti al Controllo del Traffico Aereo e della Difesa Aerea e all’S-208, diversi velivoli, che si sono alternati nel controllare a distanza il vettore illegale: i caccia F-2000 “Typhoon” del 36° Stormo di Gioia del Colle (BA), impiegati quotidianamente proprio per difendere lo spazio aereo nazionale; gli elicotteri HH-139 dell’84° Centro C-SAR (Combat Search and Rescue), sempre di Gioia; gli F-35 del 32° Stormo di Amendola (FG), già inseriti nel contesto della Difesa Aerea nazionale, il cui utilizzo per questo tipo di attività è reso possibile dalla sorprendente flessibilità di impiego e dalla sua elevatissima capacità di raccogliere informazioni senza essere osservato; infine il CAEW (Conformal Airborne Early Warning), vera e propria stazione volante di scoperta, comando e controllo, anch’essa esempio di tecnologia avanzata, in grado di dialogare con tutti gli assetti coinvolti e coordinarne le operazioni.

L’elicottero HH-139 della GdF, recentemente acquisito dal Corpo nell’ambito di un complessivo programma di ammodernamento della propria flotta, è dotato di un innovativo sistema di missione (denominato RW ATOS) costituito da sensori di ricerca e scoperta ad altissime prestazioni che permette di eseguire, anche in tempo di notte, missioni di pattugliamento aeromarittimo per il contrasto dei traffici illeciti perpetrati in danno dell’Italia e dell’Unione Europea, nell’ambito dei compiti in via esclusiva di polizia economico-finanziaria e di polizia unica del mare attribuiti al Corpo.

La Guardia di Finanza, forte delle recente attribuzione della responsabilità operativa esclusiva di garantire l’ordine e la sicurezza pubblica in mare, partecipa al dispositivo di avvistamento e intercettazione mediante l’impiego dei suoi assetti aeronavali, quotidianamente impegnate nelle attività di contrasto ai traffici illeciti.

Le operazioni sono coordinate a livello nazionale dalla Centrale Operativa del Comando Generale della Guardia di Finanza, coinvolgendo i Comandi Provinciali di Bari e Lecce e il Reparto Operativo Aeronavale di Bari.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 24 Maggio 2018 11:06

GAS RADON - Killer Silenziono

Scritto da

Il Radon è una gas nobile radioattivo naturale, che fa parte della grande famiglia delle Radiazioni Ionizzanti, che si forma come prodotto del decadimento dell’uranio naturalmente presente nel suolo.  Il radon è ritenuto un "killer silenzioso”: è un cancerogeno certo per l’uomo, ma raramente se ne parla e difficilmente si è consapevoli del rischio; esso costituisce la seconda causa di cancro al polmone dopo il fumo di tabacco.

L’esposizione a questo inquinante ha luogo negli ambienti confinati di vita e di lavoro e varia in funzione di numerosi fattori quali la natura del suolo, l’area geografica, la tipologia di edificio, l’assetto impiantistico ecc. 

L’adozione di iniziative da parte di singole Regioni, in relazione al Piano nazionale radon del Ministero della salute, favorisce l’attenzione nel nostro paese a questo importante fattore di rischio per la salute

Nella Regione Puglia è stata emanata la Legge regionale 3 novembre 2016, n. 30 "Norme in materia di riduzione dalle esposizioni alla radioattività naturale derivante dal gas 'radon' in ambiente confinato". 

Giovedì 24 maggio alle ore 18.45 presso il Centro Polifunzionale di Salice Salentino, si parlerà di questo pericoloro GAS Naturale.

L'evento, organizzato da PMItalia in collaborazione con il Comune di Salice Salentino, nasce dall'iniziativa del consigliere Avv. Marco Ligori che alla nostra redazione ha dichiarato: "l'iniziativa rientra in un percorso informativo diretto alla cittadinza, commercianti, aziende e professionisti per una maggiore comprensione del problema e per le azioni da intraprendere qualora vi fosse accertata la presenza di gas radon. E' importante conoscere gli elementi negativi che insistono nel nostro ambiente lavorativo e quotidiano al fine di non compromettere la nostra salute."

Come spiegheranno gli esperti durante il convegno, una volta accertata la presenza di Radon, si può diminuirne la pericolosità con una serie di azioni di rimedio:

- depressurizzazione del terreno;

- aerazione degli ambienti;

- aspirazione dell’aria interna specialmente in cantina;

- pressurizzazione dell’edificio;

- ventilazione forzata del vespaio (es. realizzato con l’uso di elementi tipo ‘Iglù’);

- impermeabilizzazione del pavimento;

- sigillatura di crepe e fessure di muri e pavimenti contro terra;

- isolamento di porte comunicanti con le cantine.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Arriva presso l’aeroporto militare di Galatina l'ultimo progetto di "FANTASYLANDIA", Cooperativa Sociale Onlus attiva sul territorio salentino dal 2011 nell'ambito del sociale.Arriva presso l’aeroporto militare di Galatina l'ultimo progetto di "FANTASYLANDIA", Cooperativa Sociale Onlus attiva sul territorio salentino dal 2011 nell'ambito del sociale.
E' stata battezzata con il nome “Nido degli Aquilotti” la struttura che accoglierà fino a 16 bambini dai 3 ai 36 mesi del personale dipendente e della società civile con  rette a carico della Regione Puglia.
Ad attendere i più piccoli un gruppo di lavoro qualificato e caratterizzato dalla passione per l’istruzione e la formazione.
Una serie di vecchi locali dismessi sono stati trasformati e ripensati, colorati ed arredati per creare spazi ad hoc per i piccoli.
Pochi giorni fa l'inaugurazione a cui erano presenti il Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Umberto Baldi, l’Ordinario Militare Monsignor Santo Marcianò, e numerose autorità locali tra cui i sindaci dei paesi vicini.    
Il col. pilota Luigi Casali, comandante dell’aeroporto, ha sottolineato che “la realizzazione dell’asilo nido costituisce un significativo traguardo per migliorare la qualità della vita del personale, recependone bisogni e aspettative”. Il generale Baldi, nel corso del suo intervento, ha posto l’accento sul processo di internazionalizzazione della scuola di volo di Galatina che “porta indubbi benefici all’intero Sistema-Paese”; ha voluto infine rimarcare il forte connubio della Base aerea con il territorio circostante.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Si svolgerà domani 16 Maggio la manifestazione dedicata alla Giornata della Terra dal titolo “Ricominciamo da Salice” organizzata dall’Amministrazione Comunale e dal Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze dell’Istituto Comprensivo di Salice Salentino.

Il rispetto dell’ambiente, il  riciclo dei materiali e la salvaguardia delle risorse naturali della Terra sono i temi su cui verterà l’intera manifestazione che vede coinvolti tutti i plessi scolastici. L’iniziativa, infatti, coinvolge i bambini delle scuole dell’infanzia statali di via Manzoni e Marzabotto e della scuola dell’infanzia paritaria “Sacro Cuore” con il progetto “Cortile Fiorito” che prevede la piantumazione, nelle aiuole, di piante da fiore.

"Nata il 22 aprile del 1970 l’Earth Day (Giornata della Terra) è la più grande manifestazione ambientale del pianeta per promuoverne la salvaguardia. Anche Salice decide di dedicare una giornata per sottolineare la necessità della conservazione delle risorse naturali della Terra, trasformandola in un avvenimento educativo ed informativo atto a valutare le problematiche della nostra Comunità e teso anche a denunciarne le criticità per una responsabilizzazione individuale e per trovare tutti insieme possibili soluzioni.

Ringrazio tutto il CCReR e il corpo docente che con tanto impegno hanno sponsorizzato questa lodevole iniziativa. Un grazie anche e tutti coloro che hanno accolto l’invito a prendere parte alla manifestazione e per l’apporto che vorranno dare.

Sviluppare la cultura di una green economy è fondamentale per dare ai nostri ragazzi e alle future generazioni un ambiente più sostenibile.”  dice l'assessore ai servizi sociali Paola Galizia

I ragazzi del CCR e R inoltre si sono cimentati nella realizzazione di un  video e di lavori realizzati con materiale di risulta, che verranno esposti nella mattinata del 16 presso il Centro Polifunzionale.

Il programma della giornata, infatti, prevede il raduno alle ore 8.00, presso la villetta del Convento “Madonna della Visitazione”, per la piantumazione di un albero, e un incontro dibattito, presso il Centro Polifunzionale, con esperti sulle tematiche ambientali.

Prenderanno parte alla manifestazione la Prof.ssa Maria Antonietta RUCCO, referente Provinciale UNICEF, il Dott. Giuseppe SCANDONE, Esperto Ambientale dell’ Ass. AISA Puglia, la giornalista reporter Dott.ssa Fabiana PACELLA, il Dirigente Generale della Guardia Eco Zoofila Nazionale Fabio MACI e i rappresentanti della Stazione Carabinieri Forestale di Lecce.

La nostra amministrazione, da subito, si è spesa al fine di sensibilizzare la cittadinanza verso la tutela delle nostre peculiarità e risorse agricole. La cura dell’ambiente ne è parte integrante.

Riteniamo che la scuola e i nostri ragazzi debbano essere tra i punti di interesse e riferimento dell’azione amministrativa. Anche per questo motivo, tra i primi atti adottati subito dopo il nostro insediamento, abbiamo voluto ripristinare il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze affinché i nostri giovani siano i primi protagonisti di ciò che accade nel nostro paese. Sarà una bella manifestazione che arricchirà tutti: docenti, amministratori e ragazzi” sottolinea il Consigliere Marco Ligori, delegato all’Istruzione.

L’incontro verrà moderato dalla Dott.ssa Emanuela DE BLASI

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Gallipoli e la Terra d’Arneo nel circuito del turismo crocieristico di qualità

Cosimo Durante: “Avvio della collaborazione per accreditare il porto di Gallipoli ad accogliere il turismo crocieristico”

Si torna a parlare di turismo crocieristico in Terra d’Arneo. Dopo l’incontro svoltosi lo scorso settembre nella città di Gallipoli, si concretizza  sempre di più il progetto che vedrà la compagnia crocieristica leader nel comparto marittimo, Bassani Group, approdare nella Città Bella per poi avviare iniziative di promozione oltre che della costa anche dei Comuni dell’entroterra. L’iniziativa sarà sostenuta da una campagna di marketing ed adeguamento dei servizi necessari curata da esperti di settore e svolta in stretta collaborazione con le autorità locali.

A farsi portavoce di questa istanza il Presidente del GAL Terra d’Arneo, Cosimo Durante, ed il suo impegno per l’avvio di percorsi di destagionalizzazione che possano garantire presenze turistiche durante tutto il corso dell’anno e nell’intero comprensorio di Terra d’Arneo.

Si tratta di definire soluzioni più appropriate in linea con le esigenze del territorio e con le sue peculiarità – afferma Durantee di definire la giusta collaborazione tra municipalità, Autorità portuali e compagnie crocieristiche. Sono pertanto convinto che una buona politica di gestione possa garantire ottimi risultati per questo territorio”.

“Ne abbiamo parlato tanto e finalmente possiamo dare un riscontro concreto alla città - dichiara Stefano Minerva, Sindaco di Gallipoli. Gli incontri preliminari con i vertici della compagnia crocieristica Bassani Group grazie al prezioso supporto del Presidente del GAL Cosimo Durante stanno portando a risultati tangibili. Continueremo a lavorare duramente per dare la giusta accoglienza a chi approderà sulla nostra meravigliosa terra: ci crediamo tanto, ci crediamo fino in fondo.”

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Venerdì 11 maggio 2018, Castello Acquaviva – ore 19.00

Un nuovo incontro per promuovere la massima diffusione delle opportunità del PSR Puglia 2014/2020 ed, in particolare, del progetto di sviluppo locale “Parco della qualità rurale Terra d’Arneo” che interessa i Comuni ricadenti nell’area del GAL Terra d’Arneo. Un incontro aperto ad istituzioni, imprese e cittadini chiamati a confrontarsi con il tema dell’integrazione tra aree interne ed aree costiere, puntando sul turismo sostenibile legato al mondo delle produzioni tipiche di qualità e della pesca.

Una scommessa importante soprattutto alla luce del nuovo assetto territoriale che vede partecipare alla Strategia del Gruppo di Azione Locale ben 12 Comuni dell’area jonico salentina. Oltre a Campi Salentina, Carmiano, Copertino, Guagnano, Leverano, Nardò, Porto Cesareo, Salice Salentino e Veglie, già presenti nella passata programmazione LEADER, vi faranno parte anche le municipalità di Alezio, Galatone e Gallipoli. Un territorio più ampio ma dalle caratteristiche omogenee, dove insistono numerose opportunità, legate in particolare al prezioso patrimonio costiero e all’attrattività del sistema naturale, culturale e delle produzioni di eccellenza che caratterizzano i centri dell’entroterra, e grandi sfide, legate alle necessarie azioni di salvaguardia e alla sperimentazione di virtuosi modelli di gestione. Altra novità è l’approccio plurifondo con cui il GAL agirà parallelamente con fondi FEASR (Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale) e FEAMP (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca) al fine di guidare il territorio verso una crescita integrata, sostenibile, intelligente.

Tre le Misure da cui attingere, per un totale di 12 Interventi e 8,106 milioni di euro da investire sul territorio.

Prossimo appuntamento a Nardò, venerdì 11 maggio p.v. alle ore 19.00, presso il Castello Acquaviva in Piazza Cesare Battisti.

Ad aprire l’incontro i saluti delle autorità di Nardò, il Sindaco Giuseppe Mellone e l’Assessore Giulia Puglia. Introduce la presentazione del Piano l’intervento dell’Assessore regionale all’Industria turistica e culturale, Loredana Capone. Ad entrare nel vivo dei contenuti del Piano di Azione Locale 2014/2020 il Presidente del GAL, Cosimo Durante, il Prof. Stefano De Rubertis, direttore del Dipartimento di economia all’Università del Salento e il Presidente dell’Ordine degli Agronomi, Rosario Centonze. Modera gli interventi il Direttore del GAL, Giosuè Olla Atzeni.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
PORTO CESAREO (Le): Si terrà sabato 12 maggio 2018, ore 18.30 – 21:00, presso l’Isola Lo Scoglio, il convegno “Bioetica e Diritto alla Salute. Donare per la Vita”, organizzato dalla FIDAS Porto Cesareo in collaborazione con la FIDAS Leccese, l’ADISCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale) e l’ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo).

Cosimo Damiano ARNESANO, presidente FIDAS Porto Cesareo, dice:“Questo convegno apre il calendario delle attività previste per la terza edizione dell’Alto Riconoscimento VIRTU’ E CONOSCENZA”, che vanta il patrocinio oltre che del Comune di Porto Cesareo e della Regione Puglia, anche del MIUR – Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, della Provincia di Lecce, dell’Università degli Studi di Bari e dell’Università del Salento, dell’Università di Foggia e dell’UNIMED – Unione delle Università del Mediterraneo”. E aggiunge: “In Italia non ci sono donatori sufficienti per aiutare chi ha bisogno. L’obiettivo di questo convegno, pertanto, è quello di informare e sensibilizzare a compiere un gesto di solidarietà che in molti casi può salvare la vitaSi parlerà non solo di donazione del sangue, indispensabile per molte terapie e situazioni di emergenza, ma anche di donazione di organi e di tessuti, di donazione di cellule staminali attraverso prelievi dal midollo osseo, dal cordone ombelicale e dalla placenta, utilizzate per curare leucemie, talassemie ed altri gravi patologie”.

 

Dopo il benvenuto di Salvatore ALBANO (Sindaco di Porto Cesareo), daranno i saluti Emanuele GATTO (Presidente FIDAS Leccese), Cosima SERGI (Presidente FIDAS Puglia), Maria STEA (Presidente ADMO Puglia) e Giuseppe GARRISI (Presidente Nazionale ADISCO). Introdurrà e modererà Laura TUNDO FERENTE (Docente di Filosofia Morale e Bioetica all’Università del Salento). E’ prevista la testimonianza di alcune persone trapiantate.

 

INTERVERRANNO:

-       Angelo OSTUNI (Responsabile del Centro Trasfusionale del Policlinico di Bari e Direttore della Struttura Regionale di Coordinamento della Medicina Trasfusionale della Puglia), si soffermerà su “Il Reclutamento e la gestione del donatore”;

-       Nicola CASCAVILLA (Direttore del Dipartimento di Oncoematologia e Trapianto del Midollo Osseo dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo), parlerà di “Trapianto del midollo osseo. Scenario attuale e prospettive future;

-       Nicola DI RENZO (Direttore Immunoematologia e medicina trasfusionale dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce), darà “Indicazioni al trapianto di cellule staminali”;

-       Michele SANTODIROCCO (Medical Director della Banca del Cordone Ombelicale della Regione Puglia) tratterà “La funzione della banca del sangue cordonale. Le malattie curabili con l’utilizzo delle cellule del sangue staminale”;

-       Vanessa DE PACE (Ricercatrice in Chirurgia Generale Trapianti c/o Ospedale Sant’Orsola di Bologna), relazionerà su “Incremento del donator pool nel trapianto di fegato e rene”.

 

Concluderà Maurizia PIERRI (Docente Diritto Pubblico Comparto all’Università del Salento), che a 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione della Repubblica Italiana si soffermerà sul diritto alla salute.

 

Per l’occasione saranno consegnate le Onorificenze ai donatori FIDAS Porto Cesareo, mentre ai giovani che compiono la maggiore età nel 2018 sarà consegnata, in omaggio, una copia della Costituzione della Repubblica Italiana.

L’ingresso è libero.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Domenica, 06 Maggio 2018 10:11

PD Salice – Incontro sul biotestamento

Scritto da

SALICE SALENTINO – La sezione locale del Partito Democratico ha organizzato un incontro sul biotestamento, legge targata PD del 2017.

Il luogo dell’incontro è stato il Centro Sociale Parrocchiale, dove in tanti hanno partecipato all’iniziativa che ha visto come relatori l’Onorevole Salvatore Capone (PD), l’avvocato Sergio Limongelli (presidente camera forense neretina), Don Giuseppe Pendinelli (parroco), e Dott. Enzo Caroprese (direttore Hospice – ASL Lecce – San Cesario). Assente, per motivi di salute, il Reverendo Don Pietro de Punzio (parroco Mater Domini e Giudice del Tribunale Ecclesiastico Pugliese) al quale vanno gli auguri di pronta guarigione del Circolo PD salicese. A moderare la serata è stato Mimmo Arnesano, il quale ha sottolineato come il biotestamento non è eutanasia e ha letto alcuni commi della legge (la 219/2017, ndr).

Ogni relatore ha approfondito il tema dal proprio punto di vista professionale. Nel suo intervento l’Onorevole Capone ha spiegato l’importanza di questa legge e ha raccontato tutto il lavoro “di unione” che c’è stato all’interno della commissione per la sua stesura e approvazione.

L’avvocato Limongelli ha approfondito l’aspetto tecnico/burocratico, spiegando inoltre, rispondendo a una nostra domanda, che all’interno della legge non è previsto l’obiezione di coscienza e che il Ministero della Salute non ha nessuno strumento legale/legislativo per inserirla.

Il Dott. Enzo Caroprese, anestesista, ha raccontato come storicamente l’accanimento terapeutico fosse già non accettato dalla nostra società nei decenni scorsi. Ha parlato del suo lavoro e di quanto è difficile anche per le famiglie vedere i propri cari soffrire. Anche lui è intervenuto a seguito della nostra domanda sull’obiezione di coscienza, spiegando come è differente l’obiezione di coscienza prevista dalla legge sull’aborto rispetto a quelle non prevista nel biotestamento, in quanto gli argomenti sono su piani differenti. Don Pietro de Punzio ha rimarcato le parole di Papa Francesco e la posizione della chiesa, contraria all’eutanasia ma anche all’accanimento terapeutico, invitando quindi ha trovare la giusta via tra questi due paletti (spiegando come già nel 1981, una commissione Vaticana aveva già trattato questi temi).

Tra gli interventi anche quello di Enzo Marinaci, segretario del PD locale, che oltre a ringraziare i presenti e i relatori ha rimarcato quanto è stato importante il lavoro che il Partito Democratico ha fatto su un tema così importante.

Presente anche l’avvocato Marco Ligori (capogruppo di maggioranza al Consiglio Comunale di Salice Salentino) che, rispondendo a una nostra domanda per l’Onorevole Capone sul come fosse possibile che nell’81 il Vaticano già trattava temi del genere e l’Italia no, ha spiegato come in scelte come queste la Chiesa Cattolica in Italia è forte e presente “ieri più di oggi”.

In chiusura il moderatore Mimmo Arnesano ha annunciato che nei prossimi giorni la sezione del Partito Democratico, presenterà una richiesta formale al Comune di Salice Salentino per l’istituzione di un registro pubblico per le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento, presenti nella legge).

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Realizzato presso l’aeroporto militare di Galatina un asilo nido destinato ai figli dei dipendenti e non solo

Inaugurato presso l’aeroporto militare di Galatina un asilo nido destinato, oltre che ai figli del personale militare e civile della Base, anche ai piccoli delle famiglie residenti nei comuni limitrofi.

Il servizio, attivato per migliorare la qualità della vita del personale dipendente, è infatti aperto anche alla società civile, a conferma, ancora una volta, degli ottimi rapporti esistenti tra la Base aeronautica e la popolazione salentina.  

La struttura, simpaticamente denominata “Nido degli Aquilotti”, è stata realizzata recuperando vecchi locali ormai dismessi ed è capace di accogliere fino a 16 bambini.

All’inaugurazione erano presenti il Comandante delle Scuole dell’Aeronautica Militare, generale di squadra aerea Umberto Baldi, l’Ordinario Militare Monsignor Santo Marcianò, e numerose autorità locali tra cui i sindaci dei paesi vicini.    

Il col. pilota Luigi Casali, comandante dell’aeroporto, ha sottolineato che “la realizzazione dell’asilo nido costituisce un significativo traguardo per migliorare la qualità della vita del personale, recependone bisogni e aspettative”. Il generale Baldi, nel corso del suo intervento, ha posto l’accento sul processo di internazionalizzazione della scuola di volo di Galatina che “porta indubbi benefici all’intero Sistema-Paese”; ha voluto infine rimarcare il forte connubio della Base aerea con il territorio circostante.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Leggo con profondo rammarico quanto accaduto alle Officine Cantelmo, in relazione allo spostamento della targa Ricordo di Daniele Caiaffa che, anni fa, ha pagato con la vita un gesto di solidarietà e di cavalleria verso delle amiche.
3704681 1347 20180502 130055Lo spostamento della targa Ricordo che certamente è avvenuto in modo incauto, ma sono convinta non in malafede, deve comunque portarci a riflettere che persone come Daniele, forse, meritano anche di più di una Targa e, magari, dovrebbero essere portati alla memoria in maniera costante.

Sono vicina alla Famiglia di Daniele alla quale, a nome di tutte le Donne, esprimo ancora oggi un fortissimo ringraziamento per la nobiltà del gesto dato dall’educazione che ha ricevuto in dono e che lo ha portato a difendere persone a rischio e, in quel momento, assolutamente indifese.

E mi scuso a nome della Città per aver dovuto scoprire il padre, nel giorno della commemorazione del figlio, che la targa in sua memoria fosse stata rimossa.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi576
Ieri157
Questa Sett.576
Questo Mese5507
Totale1475891

Lunedì, 24 Settembre 2018 19:18

Chi è on line

Abbiamo 146 visitatori e nessun utente online