Attualità
24 su 24 Opinioni & Informazione
redazione@sali-ce.it 329.2792189

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.

Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

    You have declined cookies. This decision can be reversed.
Attualità

Attualità (1014)

Salice, sali-ce, salic'è, salicè, salicé, salice salentino, salento, informazioni, lecce, portale, associazione, cultura, sport, attualità, fotografia, ricette, ricette del giorno, ricette antiche, sport, calcio, bocce, torneo, acsi, campionato,

Parte a Luglio una nuova avventura con IL CORPO DELLA SCRITTURA presso l'istituto “Calasanzio – Cultura e Formazione” di Campi Salentina.

Un corso articolato in due moduli? Uno spettacolo diviso in due atti? O due performance del tutto autonome? Il Corpo dell a Scrittura è tutto questo. Una parte teorica e una pratica. E la scommessa di dimostrare una tesi: è possibile trasmettere, in soli due incontri, tutto ciò che bisogna sapere non per imparare a scrivere, ma per essere attrezzati a fare da soli ciò che serve per imparare a scrivere, ossia leggere tanto e scrivere tanto.

Per info clicca QUI

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Dal 22 al 25 giugno si svolgerà a Ischia (Napoli), il Campionato italiano di pesca d’altura - specialità traina 2017.  Saranno protagonisti cinque salentini, due di Francavilla Fontana, Gianluca Leo (angler, chi prendere la canna durante la cattura del pesce) e Piermarco Profilo (skipper), due di Grottaglie, Cataldo e Antonio Serio (angler), in passato già vincitori del torneo, e Alessandro Papa di Salice Salentino. Insieme formano il team “Chiodo Fisso” hanno già mostrato il loro talento durante la 54a edizione di questa importante competizione nazionale. Dovranno affrontare più di 60 equipaggi avversari, provenienti da ogni parte dell’Italia. Questo numero elevato di partecipanti è un chiaro segno di come questo sport, che si pratica a distanza di 10 miglia marine dalla costa, si stia diffondendo anche nel Sud Italia. La pesca ha come obiettivo i pesci pelagici come ad esempio il tonno rosso, l’aguglia imperiale, l’alalonga e la lampuga. Ovviamente alcune specie dopo esser state pescate in seguito vengono rilasciate in mare per rispettare il regolamento Fipsas. La traina d’altura è una specialità che richiede molta competenza e soprattutto un grande sforzo per i pescatori. Oggi abbiamo intervistato il nostro compaesano Alessandro Papa, durante una pausa dalle prove per domani.

Alessandro, come ti sei appassionato a questo sport e da quanto lo pratichi?

Mi piace la pesca da quando ero bambino, perché papà aveva delle barche. Pratico questo sport seriamente ormai da sei anni, da quando ho conosciuto il capitano del team “Chiodo Fisso”, Cataldo Serio, un mio coetaneo col quale ho anche stretto un ottimo rapporto di amicizia. Ogni giorno mi aiuta a migliorare e ad apprendere qualsiasi tipo di tecnica, perciò devo molto a lui, per avermi aperto questo mondo. 

Qual è il tuo ruolo nel team?

Il mio ruolo nel team è tenerli calmi, perché stanno troppo in ansia, stiamo puntando a vincere e li vedo un po’ tesi (ride, ndr). Sinceramente ci diamo una mano l’uno con l’altro, è un meccanismo ormai sincronizzato e correlato, ognuno ha il suo da fare ogni volta che il pesce va in canna ed abbocca, e speriamo che siano tanti.

Com’è allenarsi in gruppo, che rapporto c’è tra i ragazzi del team?

Allenarsi con i ragazzi è bellissimo, sia perché usciamo in mare e sia perché siamo spinti da una passione comune e questo si riflette anche nel rapporto d’amicizia che abbiamo, infatti spesso la sera andiamo a bere una birra insieme.

Qual è il tuo punto di riferimento, hai qualcuno a cui ispirarti?

Sinceramente no, non ho nessuno come riferimento, come ispirazione, però ho un esempio da seguire tutti i giorni che è il mio capitano Cataldo. Ho imparato che nella pesca si deve migliorare quotidianamente, e giorno per giorno vengo a contatto sempre con persone che sanno cose nuove , nuove tecniche, perciò c’è questo scambio di opinioni e di consigli, per cui ci si arricchisce insieme, in qualsiasi ambito. E soprattutto nella pesca non bisogna mai dire “Io so”, perché arriverà sempre qualcuno più bravo. Alla competizione preferisco la collaborazione.

Sicuramente bisogna fare dei sacrifici per allenarsi e raggiungere certi livelli. Ne vale la pena? Cosa ti auguri per questo campionato?

I sacrifici ci vogliono un po’ dappertutto, in qualsiasi sport. Certo è che più una cosa la fai con passione e amore, e meno ti pesa. Quello che conta è divertirsi. Mi auguro  il meglio per questo team, anche perché i primi tre classificati in questo campionato hanno la possibilità di partecipare l’anno prossimo al mondiale. Alcuni miei compagni (Cataldo e Antonio Serio) hanno già vinto varie edizioni di questo campionato, noi cerchiamo di fare il massimo per riprovarci ancora una volta.  

In bocca al lupo allora, o dovrei dire...al pesce?

Crepi il lupo. (E non tocchiamo il pesce, per scaramanzia).

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Martedì, 20 Giugno 2017 09:18

“Il miracolo di Marcellino” a Guagnano

Scritto da

Venerdì 23 Giugno 2017 alle ore 20.15 presso la sala consiliare A. Moro (vico Ceino) a Guagnano sarà proiettato il film “Il miracolo di Marcellino”, frutto della collaborazione di Giuseppe Verdesca (regia) e Cristian Scarciglia (riprese e montaggio). La proiezione sarà preceduta da una breve presentazione del progetto ad opera di Valentina Perrone, giornalista e scrittrice, a cui prenderanno parte Don Giovanni Prete, parroco di Guagnano, e Cristian Scarciglia di Foto Rètro. Il film è stato interamente girato tra Guagnano e Salice Salentino e vede la partecipazione di 250 persone, tra attori e comparse. Alla sua realizzazione ha collaborato anche Miriana Calcagnì che ha curato la parte audio. Il ruolo del protagonista è affidato a Yari Verdesca, 7 anni, di Salice Salentino, in grado di emozionare il pubblico con semplicità e sensibilità. Durata del film: 80 min. Evento patrocinato dal Comune di Guagnano.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 15 Giugno 2017 10:49

Fase di avvio per la raccolta differenziata

Scritto da

Fase di avvio anche per il paese di Salice Salentino con la raccolta differeniata. La ditta MONTECO, incaricata del servizio, dal 9 giugno sta distribuendo il Kit di raccolta e il materiale informativo.
Il Front Office designato per lo svolgimento dell'attività di distribuzione è l'ex mercato coperto in Piazza Pace nei giorni lunedi, mercoledì e venerdì in mattinata dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e il giovedì nel pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 18.00.
L'utenza che non verrà trovata in casa dagli eco-informatori, riceverà una avviso/cartolina con le indicazioni su dove recarsi a ritirare personalmente le attrezzature. Anche i residenti in condomini con più di 7 famiglie, dopo aver ricevuto i carrellati condominiali, potranno recarsi presso il Front Office a ritirare il sottolavello e le buste compostabili per la frazione organica.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 15 Giugno 2017 10:21

Stasera Marcellino Pane e Vino

Scritto da

Si terrà stasera, alle ore 20.30 presso la Chiesa Madre di Salice Salentino, la proiezione del film "Il Miracolo di Marcellino".
Un lavoro Salicese DOC quello del Regista Giuseppe VERDESCA che si è impegnato nella scelta di personaggi e luoghi scegliendoli nel proprio paese.
Dietro la camera e al montaggio delle scene, Cristian SCARCIGLIA ha catturato, nei mesi, tutte le scene girate per ricostruire la storia dell'antica favola.
Sarà proprio il figlio di VERDESCA, nel ruolo di Marcellino, a far commuovere gli spettatori.

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Giovedì, 01 Giugno 2017 09:53

Campus estivo presso la piscina Feel Good

Scritto da
Torna il campus estivo presso la piscina Feel Good  ai minori dai 5 ai 14 anni, in due turni stabiliti: 1° turno dal 12 Giugno al 24 Giugno e 2° turno dal 26 Giugno all’8 Luglio.

Il servizio di trasporto da Guagnano a Cellino San Marco e viceversa, sarà assicurato con lo scuolabus comunale, con partenza da via Emilia Romagna  alle ore 8,15 dove è previsto anche il rientro alle ore 12,50, con fermata a Villa Baldassarri.

La quota di partecipazione individuale per un turno (12 giorni), a carico delle famiglie, ammonta ad  € 45,00; è previsto lo sconto del 10% per due figli iscritti.

Le famiglie interessate devono recarsi presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Guagnano, per la richiesta del servizio di trasporto e presso il Centro Sportivo “FEELGOOD” di Cellino San Marco, per il versamento della quota di partecipazione (copia della ricevuta deve essere consegnata all’Ufficio Servizi Sociali). 

Il servizio di trasporto è gratuito per i residenti in Guagnano, iscritti in ordine cronologico; in caso di eventuali posti disponibili potranno presentare richiesta anche i non residenti, con un contributo di € 20,00.

Il servizio di trasporto verrà garantito se per ciascun turno vi saranno almeno 10 iscrizioni.

Si ritiene opportuno informare che, per il servizio di trasporto saranno accolte le domande in ordine cronologico di presentazione e sino alla concorrenza della capienza dello scuolabus utilizzato (n. 28 posti).

Certificati occorrenti: certificato di sana e robusta costituzione da presentare presso il centro sportivo.

Per ulteriori informazioni rivolgersi presso l’Ufficio Servizi Sociali in via Emilia Romagna.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Lunedì, 15 Maggio 2017 10:57

SETTE NUOVE “AQUILE” AL 61° STORMO

Scritto da

BREVETTATA ANCHE UNA GIOVANE PILOTA DI SINGAPORE

Presso la base aerea di Galatina vengono qualificati sette nuovi piloti militari destinati alle linee “fighter”, cinque italiani e due di Singapore

 

Si è svolta nella mattinata di venerdì 12 maggio, all’interno dell’aeroporto “Fortunato Cesari” di Galatina, sede del 61° Stormo, la cerimonia di consegna delle “aquile” di pilota militare a cinque ufficiali dell’Aeronautica Militare italiana e a due della Republic of Singapore Air Force (RSAF), la Forza Aerea della Città-Stato del sud-est asiatico.

L’evento è stato presieduto dal generale Vitantonio Cormio, Vice Comandante delle Scuole  dell’Aeronautica Militare/3ª Regione Aerea di Bari (CSAM/3^RA) che, come tradizione vuole, ha appuntato l’ambita “aquila turrita” sull’uniforme del primo classificato del corso; in questo caso, a ricevere il prestigioso riconoscimento è stata la prima donna di nazionalità straniera brevettata a Galatina, una giovane ufficiale di Singapore.

Il 61° Stormo, dipendente dal CSAM/3^RA, è l’unica scuola di volo in Italia che rilascia il brevetto di pilota militare ai cosiddetti fighters, i piloti destinati a volare sui velivoli a più elevate prestazioni avioniche ed aerodinamiche: Tornado,  AMX, Eurofighter e Joint Strike Fighter F-35. L’introduzione di sistemi tecnologici unici al mondo, unitamente alle tradizioni di cui la scuola è depositaria, hanno reso la base aerea salentina un punto di riferimento nel settore dell’addestramento al volo, sia in campo nazionale che internazionale. Attualmente il 61° Stormo ospita piloti dell’Argentina, dell’Austria, della Francia, della Grecia, del Kuwait, dell’Olanda, della Polonia e appunto di Singaporee, a breve, si aggiungeranno istruttori ed allievi provenienti da altre Nazioni. Un reparto dunque, quello di Galatina che, ancorché sia solo addestrativo, contribuisce in modo sostanziale ad una Forza Armata sempre più al servizio del Paese.

Per il colonnello pilota Luigi Casali, Comandante del 61° Stormo e dell’aeroporto, “per i giovani allievi la cerimonia di consegna delle aquile suggella il coronamento di un sogno; per noi, la Scuola di Volo di Galatina invece, che li ha accompagnati e guidati verso questo prestigioso traguardo, non rappresenta solo la chiusura di un percorso formativo, ma il senso stesso della nostra “ragione sociale” e della nostra quotidiana attività”.

Il generale Cormio, nel corso del suo intervento, ha sottolineato come “proprio partendo dalle nuove generazioni di aviatori, la formazione assume un valore significativo per essere sempre al passo con i tempi ed offrire al Paese professionisti in grado di adempiere, nel migliore dei modi, ai compiti loro assegnati”.

I nuovi piloti militari proseguiranno l’addestramento a Galatina frequentando presso il 212° Gruppo Volo il corso Lead In to Fighter Training propedeutico al successivo impiego sui velivoli aerotattici.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La Festa della mamma è quel giorno dell’anno in cui la figura della madre viene universalmente celebrata: nonostante, in epoca contemporanea, questa festività affondi le sue radici tra la fine dell’800 e i primi decenni del ‘900, già le società politeiste avevano istituito una giornata simile alla nostra. Furono gli antichi greci a dedicare una giornata alla loro genitrice, quella che corrispondeva alle celebrazioni in onore di Rea, la madre di tutti gli Dei. In questo giorno speciale, dedicato a persone cosi importanti non si possono certo dimenticare le mamme, che in letteratura, non solo hanno fatto la storia, ma sono state anche d’esempio. Vi sono infatti personaggi di libri e racconti che sono rimasti nel cuore di tutti i lettori, tra queste:


La Signora Bennet, “Orgoglio e pregiudizio” di Jane Austen, la classica mamma invadente e un pò chiacchierona che non riesce a far altro che fantasticare sui matrimoni delle figlie, ma allo stesso tempo un modello di madre innovativo, nettamente in contrasto con gli esempi dell’epoca;

 

Margaret Curtis March, “Piccole donne” di Louisa May Alcott, mamma di quattro figlie si trova sola ad allevarle mentre il marito, Robert, è al fronte. Grande esempio di forza, coraggio e saggezza, oltre che dimostrazione del fatto che una madre può fare anche da padre. Il prototipo di una madre che non solo ama profondamente le sue figlie, ma le ascolta, fornendo loro se necessario consigli aiutandole cosi ad affrontare i problemi che la vita ci mette davanti.

 

Non tutte le mamme della letteratura sono esempio di bontà e amore, al contrario ve ne sono alcune famose per la malignità che le contraddistingue. Tra queste svettano su tutte due figure della letteratura passata:


Medea, presentata in diverse opere dell’antichità, ma la più famosa rimane l’omonima tragedia di Euripide. Innamoratasi perdutamente di Giasone, il condottiero degli Argonauti. Diversi anni dopo il matrimonio sarà abbandonata dallo stesso Giasone e presa dalla disperazione, per vendicarsi dell’amore tradito, ucciderà i figli avuti con lui;

 

Gertrude, la madre di Amleto, protagonista della celebre tragedia shakespeariana. La donna solo un mese dopo la morte di suo marito, il re di Danimarca, sposa suo cognato Claudio, che precedentemente aveva ucciso con l’inganno proprio il padre di Amleto per impossessarsi del trono. 

 

Queste poche figure non potranno certamente definire ciò che è realmente una madre perchè come si potrebbero trovare le parole adatte per descrivere un amore cosi smisurato, incondizionato e senza tempo? Quel legame, che a differenza di altri, non è caratterizzato da regola alcuna.
Quello stesso legame in cui il cordone che tiene uniti madre e figlio viene si tagliato alla nascita, ma alla fine non si spezza mai.

 

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

La Festa del Lavoro è la giornata ideale per fare una gita fuori porta lasciando a casa stress e preoccupazioni. Non tutti però sanno perchè si festeggia il Primo Maggio, come nasce e cosa ricorda. La Festa del lavoro - o dei lavoratori - ha una lunga tradizione: il primo «Primo Maggio» nasce infatti a Parigi il 20 luglio del 1889. L’idea venne lanciata durante il congresso della Seconda Internazionale, riunito appunto nella capitale francese. Venne indetta una grande manifestazione per chiedere alle autorità pubbliche di ridurre la giornata lavorativa a otto ore. Una battaglia che portò alla promulgazione di una legge che fu approvata nel 1867 nell’Illinois.
A far cadere definitivamente la scelta su questa data furono i gravi incidenti accaduti nei primi giorni di maggio del 1886 a Chicago e conosciuti come rivolta di Haymarket, repressa nel sangue. A metà Ottocento, infatti, i lavoratori non avevano diritti: lavoravano anche 16 ore al giorno, in pessime condizioni, e spesso morivano sul luogo di lavoro. Il Primo maggio 1886 fu indetto uno sciopero generale in tutti gli Stati Uniti per ridurre la giornata lavorativa a 8 ore. La protesta durò 3 giorni e culminò appunto, il 4 maggio, col massacro di Haymarket: una vera e propria battaglia in cui morirono 11 persone. L’iniziativa superò i confini nazionali e divenne il simbolo delle rivendicazioni degli operai che in quegli anni lottavano per avere diritti e condizioni di lavoro migliori. Così, nonostante la risposta repressiva di molti governi, il 1° maggio del 1890 registrò un’altissima adesione. Oggi quella data è festa nazionale in molti Paesi. Naturalmente Cuba, Russia, Cina, ma anche Messico, Brasile, Turchia e i Paesi dell’Ue. Non lo è, invece, negli Stati Uniti dove il «Labor Day» si festeggia il primo lunedì di settembre. La festività ebbe origine in Canada in ricordo delle rivendicazioni del cosiddetto «Movimento delle nove ore». In Italia la festività fu ratificata due anni dopo, nel 1891. Durante il ventennio fascista, a partire dal 1924, la celebrazione fu anticipata al 21 aprile, in coincidenza con il cosiddetto «Natale di Roma», leggendaria data di fondazione della Capitale, nel 753 a.C.
Dopo la fine del conflitto mondiale, nel 1945, fu ripristinata mantenendo lo status di giorno festivo. Dal 1990 i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil, in collaborazione con il comune di Roma, organizzano un grande concerto per celebrare il Primo Maggio, rivolto soprattutto ai giovani.

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Sabato, 29 Aprile 2017 11:31

Salice, Piazza Plebiscito diventa "eco"

Scritto da

 

Al via le attività propedeutiche per il nuovo servizio di raccolta "porta a porta" di Salice Salentino. La fase di avvio sta coinvolgendo tutti i residenti attraverso incontri  finalizzati a illustrare le modalità del nuovo sistema di raccolta, che proseguiranno anche nei prossimi giorni. Infatti oltre ai due precedenti incontri che si sono svolti nei pressi del centro polifunzionale tra cittadini, amministrazione e la ditta "Monteco", la quale effettuerà il servizio, domenica 30 aprile, Piazza Plebiscito, diventerà una "eco Piazza".

"Ritengo che “ l’eco domenica in piazza” sia un appuntamento strategicamente importante per sensibilizzare, educare ed informare sulle nuove modalità di raccolta, recupero, riciclo e smaltimento dei rifiuti", afferma l'assessore all'ambiente Arcangelo Fina e poi continua dicendo:"Posizionare in Piazza Plebiscito uno stand informativo allestito con le attrezzature che verranno successivamente distribuite porta a porta, attrarrà sicuramente i tantissimi cittadini attenti e sensibili, ne è prova la partecipazione ai precedenti incontri, ma l’obiettivo sperato è quello di incuriosire, avvicinare, informare e motivare coloro che ancora guardano distrattamente al nuovo.

L’inizio non sarà facile ma sono sicuro che ce la faremo: saremo noi gli artefici del cambiamento quando, spronandoci a vicenda, differenzieremo il rifiuto non come un fastidioso impegno ma con la consapevolezza che la salvaguardia dell’ambiente, la qualità della vita e la vivibilità urbana dipende da ognuno di noi.

La ditta monteco, aggiudicatrice della gara, metterà a disposizione eco-informatori che illustreranno il nuovo servizio di raccolta differenziata “porta a porta” spinta e distribuiranno materiale informativo.

Per i bambini saranno organizzate delle attività ludico ricreative sulla corretta differenziazione e sul “Riuso” di oggetti destinati a smaltimento."

Condividi Questo Articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Importante

Il presente sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 07/03/01. Costituzione Italiana - Art. 21: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

Oggi65
Ieri788
Questa Sett.4818
Questo Mese35834
Totale1263033

Venerdì, 23 Giugno 2017 02:12

Chi è on line

Abbiamo 238 visitatori e nessun utente online